CIMA CAVAION

CIMA CAVAION

1705
CONDIVIDI

Questa settimana proponiamo una stupenda escursione con gli sci d’alpinismo con partenza da Malga Mare ed arrivo in Val di Rabbi.

Si risale lungo il sentiero 123 che dai 1979 metri di Malga Mare raggiunge il Lago Careser a metri 2600, in uno scenario stupendo che coniuga la vista sulle importanti infrastrutture idroelettriche della Valle di Peio e l’imponenza delle vette del Gruppo Ortles Cevedale.

[Modello "responsive" non trovato]

 

Seguendo il sentiero tra boschi di larice e pino cembro ci si porta fino al limite della vegetazione dalla quale, seguendo gli andamenti del terreno, si individua una traiettoria che limitando la pendenza raggiunge lo sbarramento artificiale del Lago Careser. Da qui parte il tracciato GPS che ci accompagna per tutta l’escursione. Superati gli edifici ad uso dei guardiani della diga si prosegue in sinistra orografica costeggiando il bacino fino ad imboccare un vallone che sale con pendenza seguente fino ad un pendio che conduce alla sella che divide il monte Cavaion (salendo sulla destra) da Cima Pontevecchio (a sinistra).

Da qui, in circa dieci minuti si raggiungono i 3.120 metri di Cima Cavaion dalla quale si può godere di uno stupendo panorama sulla Valle di Rabbi, ad oriente sulle vette dei gruppi montuosi del Trentino Orientale e ad occidente sul Monte Vioz, il Palon della Mare ed il Cevedale con alle spalle Gran Zebru ed Ortles.

Tolte le pelli si imbocca quindi l’ampio vallone che si presenta guardando la Val di Rabbi e che, superati alcuni cambi di pendenza, conduce ad uno splendido lariceto e quindi a Malga Stablaz Alta. Da qui si scende lungo il pascolo della malga e superando quindi il limite della vegetazione fino ad imboccare la strada di rientro e raggiungere, dopo una breve discesa, la Malga Stablaz Bassa. Sempre lungo la strada si prosegue la discesa che conduce, dopo una breve sosta a Malga Fratte Bassa, alle piste da fondo della Valle di Rabbi in località Rabbi Fonti.

Sul piano logistico è necessario organizzare una soluzione di rientro lasciando una macchina in Val di Rabbi ed andando poi a recuperare il mezzo parcheggiato in Val della Mare.

La difficoltà globale può essere classificata come abbastanza difficile mentre è richiesta una buona tecnica di discesa su ogni tipo di neve e su pendii a moderata pendenza.

Difficoltà: Medio
Sviluppo: Circa 14 Km tra salita e discesa
Dislivello salita: m. 1.150
Dislivello discesa: m. 1.837
Durata: Circa 5 ore e 30
Punto più basso: Rabbi Fonti – m. 1.282
Punto più alto: Cima Cavaion m. 3.120
Condizione fisica: Buona Esperienza: E’ necessaria una buona esperienza ed una buona capacità di lettura delle condizioni della neve
Paesaggio: Mozzafiato
Periodo migliore: Buon innevamento generalmente in tutto il periodo invernale salvo locali accumuli di neve ventata.
Le condizioni migliori si hanno da fine febbraio a marzo.
Punti di Partenza: Malga Mare (la macchina va però lasciata al Parcheggio di Malga Pontevecchio in quanto la strada è chiusa al traffico negli ultimi 3 chilometri)
Arrivo: Val di Rabbi Loc. Rabbi Fonti
Lungo il percorso: – Lago Careser – Cima e Sella di Cavaion – Malga Stablaz Alta – Malga Stablaz Bassa – Malga Fratte Bassa Le indicazioni qui fornite vanno sempre integrate con le opportune valutazioni circa il livello di rischio distacco valanghivo segnalato dagli istituti competenti. La traccia GPS è puramente indicativa. Il percorso va verificato con le condizioni della neve e l’esposizione dei pendii.

CONDIVIDI
Articolo precedenteVAL DI FASSA, LA MAGIA DELLE DOLOMITI D’INVERNO
Articolo successivoVAL DI NON: APRILE DOLCE FIORIRE
Dello staff escursioni fanno parte Francesca Tomaselli, maestra di sci, maestra di telemark, già campionessa Italiana di telemark e corsa d'orientamento; Giuliano Pederiva maestro di sci, istruttore nazionale di telemark, accompagnatore di territorio, soccorritore alpino e fondatore di telemark Snow Events. Coordina lo staff Alessio Migazzi, imprenditore nei settori marketing e comunicazione e soccorritore alpino.