COMANO VALLE SALUS: COME TI REINVENTO IL TERMALISMO

COMANO VALLE SALUS: COME TI REINVENTO IL TERMALISMO

1483
CONDIVIDI

Tra il lago di Garda e le Dolomiti di Brenta nasce la “valle della salute”. Grazie a un territorio divenuto “Riserva della Biosfera” da parte dell’Unesco e grazie alla secolare esperienza delle Terme di Comano è stato concepito un programma di accoglienza turistica incentrato sul benessere a 360 gradi.

Cura e relax presso le Terme dunque, ma anche vacanza attiva e scoperta del paesaggio grazie alle innumerevoli offerte legati all’escursionismo, alla bicicletta e ai tanti sport nella natura.

La nostra puntata si apre a Maso Limarò.
si tratta di un Parco Outdoor nel cuore della Forra del Limarò, tra Sarche e Comano Terme
Al Maso si può dormire e rifocillarsi con ottimo pranzi e cene. E’ inoltre base operativa per tutte le attività che si svolgono nei dintorni.
Ci sono zip-line, ponti tibetani e thailandesi, piccole ferrate che avvicinano grandi e piccini alla montagna
Enzo Ferrari è l’animatore di questo luogo.
Francesco Zerbi è l’istruttore che segue i ragazzi in tutti i passaggi
Stefania Livietti si occupa della parte di accoglienza ed assieme ad Enzo gestisce il Maso ed il parco Outdoor.
Il Campo Base con le tende.
Al Campo Base si ricevono le prime istruzioni per le attività.
Ci sono inoltre una serie di strutture per mettersi alla prova.
Una delle tante palestre di roccia
Alle prese con il ponte tibetano

 

Uniche in Italia, le Terme di Comano detengono il primato europeo della cura della pelle e offrono trattamenti efficacissimi con le loro acque bicarbonato-calcio-magnesiache, confortate da straordinari riconoscimenti scientifici e autorevoli ricerche mediche internazionali.

Il segreto di queste acque? Grazie ad un ph vicino alla neutralità e alla presenza di elementi quali gli ioni di calcio a magnesio quest’acqua consente una cura efficace contro tantissime malattie della pelle.

La vista sulla forra del Limarò, scavata dal Sarca.
Punto di ristoro e spiegazioni prima di iniziare il ponte thailandese
un altro ostacolo sul percorso è la zip line
possiamo finalmente sederci a tavola: Maso Limarò offre sia a pranzo che a cena i piatti della tradizione trentina.

 

Queste acque rappresentano un rimedio naturale che si rivela attraverso un provato miglioramento clinico nel tempo, con la diminuzione del prurito, dell’arrossamento e delle varie infiammazioni e una successiva riduzione di farmaci dermatologici. Fra le malattie più seguite figurano la psoriasi, eczemi e dermatiti con particolare attenzione a quelle atopiche nei bambini.

Accanto all’attività termale viene rilanciato l’escursionismo anche grazie a particolari iniziative quali “Più cammini, meno paghi”. Tutti gli albergatori aderenti all’iniziativa consegnano agli ospiti un “contapassi ValleSalus” per misurare i passi giornalieri. Se si raggiungono i 10.000 passi si ha diritto ad uno sconto del 5%, se se ne raggiungono 20.000 lo sconto in albergo sarà del 10%.

L’amore per la natura e per la cultura ha fatto poi nascere i “Sentieri per piccoli camminatori”, una serie di percorsi che consentono ai bambini e alle loro famiglie di scoprire la natura di questi territori con gli occhi di fiaba.

Ci spostiamo poi nella zona della Val Lomasona, lungo uno dei “Sentieri dei piccoli camminatori”.
Si tratta di una serie di percorsi speciali studiati per ammirare i territori dell’Ecomuseo della Judicaria, ammirare i boschi, i borghi, i paesaggi.
Stefano Bordiglioni ha scritto sei racconti, uno per ogni sentiero, con personaggi da favola che conducono lungo questi sentieri
Sul territorio delle Terme di Comano è attivo anche un servizio di noleggio di e-bike, biciclette a pedalata assistita
Stefania Farina ci racconta nel dettaglio le caratteristiche delle Terme di Comano

 

L’iniziativa è stata ideata dall’Ecomuseo della Judicaria in collaborazione con la locale Apt e prevede sei percorsi, uno per ogni comune aderente all’Ecomuseo stesso.

Si va dalla val Lomasona passando per il biotopo di Fiavé, i borghi di Frapporta, Balbido e Rango fino all’itinerario dell’area natura di Nembia e il Bosco Arte di Stenico.

La Opel Mokka di Girovagando in Trentino
La Opel Mokka di Girovagando in Trentino