DAL GARDA ALLA MARMOLADA

DAL GARDA ALLA MARMOLADA

Dal Garda alla Marmolada: Trekking e Pensieri lungo il Fronte della Prima Guerra Mondiale

286
CONDIVIDI

Il libro raccoglie più di 40 itinerari che portano il lettore sui passi dei soldati che hanno combattuto durante Prima Guerra Mondiale. Tutti i giri sono catalogati per aree: Ledro-Alto Garda, Pasubio-Zugna, Alpe Cimbra, Lagorai e Dolomiti-Marmolada e partono da facili escursioni fino a ferrate impegnative percorse dall’autore stesso e descritte con l’aiuto di esperti del settore Outdoor. Per ogni giro vi sono indicati i punti di rilevanza storica assieme ad aneddoti bellici e di vita tra commilitoni.

Pasini ha collaborato con lo storico Diego Leoni e Camillo Zadra vi ha aggiunto una serie di considerazioni sul rapporto tra uomo e montagna durante la Guerra. Non manca uno sguardo sulle economie locali e proposte come il Tour Del Gusto tra Vini e Castelli della Vallagarina, la Strada dei Sapori dell’Alpe Cimbra, il Pastificio Felicetti e i musei della Marmolada.

Nelle Alpi si è combattuto un tipo di guerra unica del suo genere tanto che è stat denominata Guerra Bianca. Italiani e Austroungarici avevano due nemici: lo schieramento opposto, e il non meno temibile inverno mieteva le sue vittime consumandole con il vento, la fame conferendole oppure seppellendole sotto le valanghe. Nasce anche il soldato-operaio: che impiegava più tempo ad approntare ricoveri e difese che al combattimento in sé. In montagna il vantaggio maggiore era l’altezza: se chi difendeva o attaccava era sopra al nemico poteva mancare bombe, oggetti causare valanghe oppure piazzare dei fucilieri e dei cecchini o pezzi artiglieria a dominare le postazioni sottostanti.