ECOMUSEO DEL VANOI

ECOMUSEO DEL VANOI

1008
CONDIVIDI

Il cuore verde del Trentino – 1 ottobre 2011

Questa settimana la nostro troupe è nel Vanoi per documentare l’ambiente e le attività dell’Ecomuseo. Ma cos’è un Ecomuseo? E’ una proposta che punta alla riscoperta di un territorio attraverso la conservazione e la valorizzazione dei segni della cultura materiale.

Vanoi, cuore verde del Trentino

Nel Vanoi, questo bellissimo ambiente incastonato fra il gruppo del Lagorai e Cima d’Asta ed il Primiero, sono stati creati diversi percorsi dedicati all’identità storica di questa comunità. All’interno di questa proposta troviamo il Sentiero etnografico, i percorsi dedicati alla fienagione, al taglio e alla lavorazione del legno, all’acqua ed agli antichi molini, ai segni del sacro e ai sistemi di mobilità di una volta. L’Ecomuseo, ci racconta il presidente Mauro Cecco, è anche una proposta vivente che punta al recupero dell’antica cultura alpina come nel caso dell’antica varietà di granoturco da polenta che un tempo si coltivava in tutta la valle. Grazie al recupero delle antiche sementi, come ci racconta Marina Fontana una giovane coltivatrice ed orticoltrice del Vanoi, oggi è possibile gustare la polenta di una volta o il pane fatto in casa. Da queste ricerche è nata la volontà di coinvolgere gli anziani di questi paesi dando vita ad una nuova esperienza culturale che va sotto il segno dei “Tesori viventi del Vanoi”. Uno di questi, il signor Pio Rattin di Canal San Bovo, ci spiega come insegna ai giovani l’arte antica della falciatura manuale dei prati e l’importanza della cultura contadina nelle Alpi. L’Ecomuseo ed il sentiero etnografico rientrano nel territorio del Parco Naturale Paneveggio – Pale di San Martino. Il parco è situato nelle Dolomiti del Trentino Orientale e si sviluppa intorno ai bacini idrografici dei torrenti Cismon, Vanoi e Travignolo, comprendendo la Val Venegia, la Foresta di Paneveggio, un’ampia porzione del Gruppo delle Pale di San Martino, l’estremità orientale della catena del Lagorai e una parte della catena Lusia – Cima Bocche, aree che costituiscono Siti di Importanza Comunitaria.

[Modello "responsive" non trovato]

Agriturismo Maso Santa Romina

Il Vanoi è una terra solare ed ospitale dove sicuramente incontrerete gente disponibile a raccontarvi antiche storie ed aneddoti legati a questi paesi. Inoltre dobbiamo dire che qui si mangia bene. E’ il caso ad esempio dell’agriturismo Maso Santa Romina (vedi anche puntata Primiero 9 luglio 2005) dove ci accolgono Mirella Simoni e Luigi Zortea. Mirella e Gigi sono accomunati dall’analoga passione per la terra che coltivano poco distante dal maso con una spiccata attenzione alla qualità e alla salubrità dei prodotti. Mirella è una cuoca sopraffina (chiedete per curiosità i suoi spaghetti di patata…), mentre Gigi è un appassionato sommelier che vi introdurrà alle migliori cantine del Trentino. Il nostro menù: antipasto, la “casada“ (ricotta fresca con panna) servita con confettura di piccoli frutti, e taglierino misto con affettati e formaggi nostrani. Quindi bis di primi con spaghetti di patate al Teroldego, speck e grana, e gli gnocconi alla verza alle erbette aromatiche in burro e salvia. Secondo: faraona in casseruola con pancetta e rosmarino con Polenta di Storo, e il tipico piatto trentino “tonco del pontesel “. Per i dolci, lamponi allo yogurt, dolce di mele. Peri i vini: Trento D.O.C. metodo classico “ANTARES“ della cantina Toblino, Cabernet Sauvignon della cantina Molino dei Lessi e il classico taglio bordolese NAVESEL della cantina Simoncelli. Tutto buonissimo, da provare!

Agritur S. Romina
Loc. Zortea – 38054 Canal San Bovo (TN) tel. 0439 / 719459
www.vanoi.it/santaromina | masosantaromina@gmail.com

Turismo rurale

L’agriturismo è l’anima dell’accoglienza di queste vallate così come ci ricorda Daniela Broch che assieme alla numerosa famiglia gestisce una storica struttura a passo Cereda. Daniela ci ricorda l’impegno di tanti produttori agricoli sul versante dell’ospitalità rurale all’insegna dell’autenticità e della semplicità della cucina e dell’accoglienza. Valeria Vecchietti dell’Apt di San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero Vanoi ci illustra infine il valore della Desmontegada del Primiero (vedi puntata Girovagando del 29 settembre 2007), una manifestazione che si svolge a fine settembre e che vede come protagoniste le mandrie al rientro dalla stagione degli alpeggi. Un’occasione per richiamare una tradizione a cui tutto il Primiero ed il Vanoi sono affezionati e per degustare i tanti prodotti caseari di queste montagne.

testo di Walter Nicoletti
foto di Agh

© Copyright 2001-2012 – E’ vietata la riproduzione di testi o foto
salvo esplicita autorizzazione – Tutti i diritti riservati / All rights reserved