I ghiacciai in Trentino: istruzioni per l’uso (e la manutenzione)!

I ghiacciai in Trentino: istruzioni per l’uso (e la manutenzione)!

1306
CONDIVIDI

L’escursione alla Presanella ci da lo spunto per aggiornarci sullo stato di salute dei ghiacciai Trentini. Lo facciamo con Stefano Fontana, Vice Presidente Sat e glaciologo del Comitato Glaciologico Trentino della Sat.

Stefano, quali sono i ghiacciai più significativi in Trentino?

Careser e La Mare (Gruppo Ortles Cevedale), Lobbia e Mandrone (Gruppo dell’Adamello) Agola (Gruppo del Brenta). E ancora Marmolada, Presena, Presanella ed il ghiacciaio della Fradusta nel Gruppo delle Pale di San Martino. Il Trentino conta su circa 120 ghiacciai, il più grande dei quali per estensione è quello dell’ Adamello- Mandrone, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta.

Dopo un inverno estremamente nevoso, si è portati a pensare che i ghiacciai aumenteranno il loro volume. In realtà sappiamo che non è proprio cosi.

Inverni con abbondanti nevicate ed estati fresche sono le condizioni favorevoli ai ghiacciai: alle nostre latitudini però una sola stagione non è sufficientemente significativa, perché la neve impiega dai tre ai cinque anni a trasformarsi in ghiaccio. Abbiamo appena iniziato la campagna glaciologia che ogni anno la Sat svolge in collaborazione con il Muse e Meteotrentino della Pat e, dai primi dati raccolti, possiamo dire che nella zona di fusione del Ghiacciaio del Mandrone, a più bassa quota, la perdita di ghiaccio è inferiore rispetto alle scorse stagioni. Ma la buona estensione della zona di accumulo nella parte alta del ghiacciaio, ovvero dove è rimasta la neve dell’ultimo inverno, fa ben sperare ai fini di un bilancio finale positivo.

Quali sono i pericoli ai quali prestare particolare attenzione quando si effettua un’escursione sul ghiacciaio?

In generale i ghiacciai si trovano ad altitudini abbastanza elevate e quindi bisogna sempre essere informati sulle condizioni meteo e sulla loro evoluzione perché, in questi ambienti, possono esserci anche dei bruschi abbassamenti di temperatura e quindi bisogna essere equipaggiati adeguatamente. Per evitare altri pericoli, come ad esempio la caduta nei crepacci, è sempre necessaria attenzione e una adeguata attrezzatura (ramponi, piccozza e imbrago) e procedere legati in cordata. Se non si ha una sufficiente esperienza e preparazione è meglio affidarsi ad una Guida Alpina.