Il Parco Naturale Locale del Monte Baldo

Il Parco Naturale Locale del Monte Baldo

A picco sul lago di Garda, affacciato sulla valle dell'Adige, il Parco Naturale Locale del Monte Baldo è un balcone sulla Pianura Padana.

15
CONDIVIDI

A picco sul lago di Garda, affacciato sulla valle dell’Adige, il Parco Naturale Locale del Monte Baldo è un balcone sulla Pianura Padana. Comprende territori appartenenti a cinque diversi comuni del basso Trentino e un ventaglio di aree protette situate a un’altitudine che varia da poche centinaia di metri sul livello del mare a quote più elevate, che superano i 2000 m. Vanta cime innevate l’inverno, splendidi paesaggi con straordinari scorci sul lago di Garda l’estate, prati fioriti la primavera e variopinte faggete l’autunno. L’offerta turistica locale, incentrata sugli sport invernali e sulle escursioni naturalistiche durante tutto l’arco dell’anno, soddisfa grandi e piccini.

In virtù della straordinaria biodiversità che lo caratterizza, il Parco Naturale Locale del Monte Baldo è meta ambita di studiosi naturalisti, di speziali e farmacisti, fin dal 1400. Si pensi che nel 1500 Giovan Battista Olivi lo definisce “Hortus Italiae”, Giardino d’Italia. Il Baldo infatti è da secoli luogo ideale di raccolta di specie officinali, di studio delle loro possibili applicazioni nella farmacopea moderna, di ricerche nel campo della botanica, della geologia e di altre scienze naturali.

Il Parco rappresenta un sistema territoriale che, per valori naturali, scientifici, storico-culturali e paesaggistici di particolare interesse, si presta a una gestione unitaria, con preminente riguardo alle esigenze di valorizzazione e di riqualificazione degli ambienti naturali e seminaturali, nonché allo sviluppo delle attività umane ed economiche compatibili con le esigenze di conservazione.