in Val di Cembra scopriamo MASO FRANCH

in Val di Cembra scopriamo MASO FRANCH

Mentre la Chef Giorgia Piffer ci presenta una serie di piatti di carne a “lunga cottura” assaporiamo il Maso Franch, un incrocio Manzoni bianco con una piccola percentuale di Chardonnay destinato a durare nel tempo per molti per non dire moltissimi anni.

33
CONDIVIDI

Salendo verso la Val di Cembra, ad un paio di chilometri da Lavis facciamo sosta a Maso Franch. La struttura, come ci spiega il gestore Massimo Geusa, oltre al ristorante riserva anche un complesso di stanze per l’accoglienza e si colloca al centro di un vigneto coltivato con le nuove tecniche naturali.

Il Maso, continua Massimo, si propone come una vera e propria vetrina dell’enologia della val di Cembra. Mentre la Chef Giorgia Piffer ci presenta una serie di piatti di carne a “lunga cottura” assaporiamo il Maso Franch, un incrocio Manzoni bianco con una piccola percentuale di Chardonnay destinato a durare nel tempo per molti per non dire moltissimi anni. Sul secondo piatto di portata optiamo poi per il Saosent, un Pinot nero d’altura prodotto dalla Cantina di Cembra.