In Val di Rabbi visitiamo MOLINO RUATTI

In Val di Rabbi visitiamo MOLINO RUATTI

Appena prima dell'abitato di Pracorno troviamo il mulino ad acqua MOLINO RUATTI.

42
CONDIVIDI

Si tratta di un antico mulino riportato in vita come testimonianza non solo dell’operoso lavoro dei molini di un tempo ma come vero e proprio museo di una casa contadina. Comprende infatti all’esterno due ruote mosse dalla forza dell’acqua, mentre al suo interno presenta: sala della molitura, corte, stalla, cantina, appartamento con suppellettili, stube, stanza da letto, cucina e disbrigo. Costituisce uno degli ormai pochissimi esempi di mulino ad acqua funzionante nel nord Italia. L’aspetto esterno del mulino conserva le tradizionali caratteristiche di questo tipo di edifici: centro focale è la grande ruota in legno, collegata a canali che, dal torrente Rabbiés, portano l’acqua fino a qui. Sulle pareti esterne, completamente in pietra, si aprono due ingressi: uno che porta alle macine e agli ingranaggi del mulino, l’altro alla cantina e alle stalle.

A lato del secondo ingresso vi è inoltre una scala che porta alle vecchie camere da letto, alla cucina e alla nuova stanza di accoglienza per i visitatori. In facciata, inoltre, è posto un affresco raffigurante la Madonna di Caravaggio e Santa Caterina d’Alessandria, patrona dei mugnai. L’intero mulino, dopo i restauri, ha assunto l’aspetto e la funzione di museo e, pertanto, sono presenti un ambiente di partenza e un percorso di visita appositamente pensato e segnalato.

L’allestimento propone al visitatore una sorta di luogo della memoria in cui viene presentata una panoramica generale sulla società rurale e sull’economia contadina della Val di Rabbi, dalla particolare ottica dell’attività che nel mulino si svolgeva, attraverso l’esposizione di oggetti quotidiani, riducendo al minimo i supporti mediatici e con il sottofondo verbale dei commenti recitati dal locale gruppo di teatro.