Itinerari al fronte. Sui sentieri della Grande Guerra

Itinerari al fronte. Sui sentieri della Grande Guerra

1526
CONDIVIDI

L’anniversario della Grande guerra è più che mai un fatto contemporaneo. La guida di Mario Peghini è effettivamente qualcosa di più di una semplice rassegna di percorsi dentro una cornice di guerra.

La prefazione di Enrico Camanni riconduce il lettore dentro i significati attuali di questo conflitto che oggi come oggi non possono essere letti meramente dal punto di vista militare.“Itinerari al fronte” è un invito a cimentarsi con la grande storia attraverso i sentieri e le strade e quindi ad immedesimarsi nell’esperienza dei militari, nonché nelle alterne vicende della popolazione civile che viveva in fondovalle. Il testo è poi anche una spaccato di vita quotidiana con le fatiche del soldato che non era solo un combattente, ma un costruttore, fra l’altro straordinario, che doveva piegare la natura alle logiche del conflitto e alle necessità di sopravvivenza che la vita al fronte imponeva.

Il libro propone 70 itinerari in montagna, a piedi, in bicicletta e con le ciaspole lungo il grande fronte di guerra che collegava la Lombardia al Friuli attraverso il Trentino Alto Adige ed il Veneto.

Un vero viaggio da Bormio a Tarvisio che l’autore ha percorso di tappa in tappa, raccogliendo poi l’esperienza in un’ampia gamma di escursioni: dalle escursioni alpinistiche nelle zone dell’Adamello (Corno di Cavento, Punta Linke) a passeggiate più morbide adatte alle famiglie (Monte Baldo, Zugna, Altipiani Cimbri) sempre raccontando la vita di montagna dei soldati.

Mario Peghini

Itinerari al fronte. Sui sentieri della Grande Guerra

Vividolomiti