Itinerari sportivi e ambientali nell’ALTO GARDA

Itinerari sportivi e ambientali nell’ALTO GARDA

Apriamo la stagione con il Garda trentino, il settore settentrionale del più grande lago italiano.

27
CONDIVIDI

Torna Girovagando in Trentino per informarvi sulle infinite possibilità che offre il Trentino della vacanza attiva, dell’esperienza e delle emozioni in montagna.

Persone, valori e proposte per vivere la natura ed apprenderne i grandi insegnamenti.

La novità primaverile è la riapertura dell’antica strada della Ponale, il collegamento stradale che collegava il Basso Sarca con la Valle di Ledro, e che è da oggi disponibile per ciclisti e pedoni seguendo una rinnovata filosofia sportiva ed escursionistica.

Messi in sicurezza i tratti più delicati, i bikers possono ora transitare lungo un tracciato meno accidentato, mentre per gli escursionisti sono previsti passaggi dedicati che aiutano una serena “convivenza”.

Ci accompagna in questa escursione Mara Cossu, esperta guida di MTB, grazie alla quale visitiamo anche il centro storico di Riva ed alcuni scorci interessanti del lungolago.

La MTB e tutto quanto significa il mondo della bicicletta hanno fatto dell’Alto Garda una meta internazionale tanto che oggi sono disponibili, come ci indica una preziosissima guida di Garda Trentino, ben 44 tracciati per un totale di 1370 chilometri di percorsi attorno a questo incantevole lago.

Prevenzione e cura del mezzo sono ovviamente le precondizioni per una escursione in sicurezza come ci insegna Stefano Girardi, esperto meccanico di biciclette che incontriamo nel suo laboratorio presso The Lab a Riva del Garda.

Giunti verso la sommità della Ponale apprezziamo  poi la riapertura, dopo decenni di abbandono, di un caratteristico locale a vista sul lago dove ci accolgono Francesca Cicciarello e Emanuele Lazzara. I tanti viandanti possono approfittare di un’accoglienza casalinga e di alcuni piatti adatti ad un pubblico di sportivi.

Il sistema dell’accoglienza dell’Alto Garda guarda sempre con maggiore interesse al connubio fra turismo ed agricoltura e, proprio per questo, facciamo tappa all’agritur Madonna delle Vittorie. Immerso in un vigneto e circondato dagli oliveti più a nord del mondo, questo locale fa tesoro dello stretto rapporto con l’azienda agricola dove si producono in particolare ottimi vini, grappe, olio e carni d’eccellenza.

Anna Marzadro ci accompagna in queste campagne dove si mettono in pratica sistemi di coltivazioni nel pieno rispetto del cicli naturali.

Abbiamo ancora il tempo per una puntatina alla cascata del Varone, sulla strada che ci conduce verso il Tennese, dove ammiriamo il nuovo giardino Zen accanto a nuovi allestimenti floreali.

In primavera le gole del Varone offrono una visione davvero intensa della forza dell’acqua.

Concludiamo questa giornate sportiva alle Terne di Sale nei pressi di Arco dove Anna Lucchini ci accompagna dentro i segreti delle cure inalatorie e del benessere.