La Grande Guerra in Valsugana: Forte Colle delle Benne

La Grande Guerra in Valsugana: Forte Colle delle Benne

1424
CONDIVIDI
Trentino, Alta Valsugana, Natale, Mercatini di Natale, Levico, Pergine, Lago, Terme, cucina tipica, vacanza, neve, parampampoli, brulé, Panarotta, Broccon, inverno

Con il termine di Trento Città Fortezza si indicano una serie di strutture, forti, sbarramenti che furono edificati tra la fine del 1800 ed i primi anni del 1900 a difesa della città che gli austroungarici consideravano strategica per il loro impero.

Alcuni forti furono costruiti a ridosso della città, altri lavoravano sullo sbarramento delle vie d’accesso.

E’ il caso del Forte Colle delle Benne che insieme con il gemello Forte Tenna presidiava il passaggio potenziale in Valsugana verso Trento.

Il nostro obiettivo oggi è una passeggiata che parte da Levico e raggiunge dopo due chilometri il forte Colle delle Benne
Il Colle delle Benne domina dall'alto il Lago di Levico
Ci accompagnano gli amici dell’Associazione Chiarentana, che si occupano di organizzare le visite guidate al Forte
Il forte è appena stato ristrutturato e domina il colle delle Benne
L’interno del forte è anch’esso ristrutturato. L’ottimo stato di conservazione lo rende lo spazio ideale per mostre e piccoli eventi.
La notte al Forte Colle delle Benne. Foto Valentino Conci
Foto Valentino Conci

Il forte si trova poco distante dal centro di Levico e domina dall’alto l’omonimo lago.

Fu costruito tra il 1880 ed il 1882 su un altura a 660 mt ma alla vigilia della Grande Guerra fu considerato obsoleto e non adatto ai combattimenti e pertanto completamente disarmato. Rimase comunque un valido magazzino e punto di osservazione, ma non fu mai coinvolto nei bombardamenti della prima linea. Anche per questo motivo, è arrivato ai giorni nostri quasi integro, ed ancora oggi rappresenta un esempio ben conservato di architettura austroungarica di fine ‘800. Si trattava di un’opera in casamatta con pianta poligonale, circondato da un fossato lungo tutto il suo perimetro. Il progetto aveva seguito il classico schema dell’epoca: costruito su 4 piani, era presente un lungo corridoio protetto da dove si aprivano dei grandi stanzoni laterali (per un totale di 47). In cima, erano presenti 3 cupole girevoli che ospitarono inizialmente due obici e un osservatorio. Dall’altro lato, era stata costruita anche una casamatta per 4 cannoni in batteria. Dal punto di vista della logistica, il Forte Colle delle Benne era dotato di centralino telefonico, generatore a benzina, riflettori, cisterne e magazzini blindati per le munizioni.

La visita al forte è anche occasione per proporre una passeggiata sulla Via Claudia Augusta. Un tratto di questa antica via romana collegava infatti Pergine a Levico. Da questo tragitto, con una breve deviazione, si raggiunge il forte, che si colloca ad una distanza di circa 8 km da Pergine e di 2 km da Levico.