La Rete delle Riserve di Ledro

La Rete delle Riserve di Ledro

La Rete delle Alpi Ledrensi copre buona parte sud occidentale del Trentino.

12
CONDIVIDI

Caratterizzata da un’imponente ricchezza floro-faunistica, la rete presenta diversi elementi di eccezionalità: endemismi floristici, presenza di siti di eccezionale rilievo per l’avifauna migratoria a livello internazionale ed alpino (Bocca di Caset, l’Alpo di Bondone, la Bocca Trat e Saval), collegamenti ecologici in direzione nord-sud per il passaggio di ungulati e grandi carnivori. Attualmente l’area dispone di una buona rete di sentieri, infrastrutture e strutture di divulgazione che permettono di valorizzare già ora la rete.

Uno stretto rapporto fra territorio e attività quotidiane che ha inizio già in epoca preistorica (9000 anni fa) con le attività di caccia e raccolta, che nel tempo evolvono in agricoltura e allevamento. Un’interazione con la natura che si perpetua da secoli e si esprime tuttora in attività zootecniche e silvo-agricole che hanno significative ricadute sull’economia e sul paesaggio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl cammino di SAN VILI
Articolo successivoMaso Limarò
La redazione di Girovagando segue gli avvenimenti del turismo e dell’agricoltura in provincia di Trento, aggiornando i contenuti del sito e dei canali social network. Ogni venerdì, aggiorna la pagina delle puntate con i nuovi contenuti che saranno in onda il sabato seguente.