LATEMAR-PAMPEAGO, ALPE CERMIS, LUSIA-BELLAMONTE: meraviglie invernali in VAL DI FIEMME

LATEMAR-PAMPEAGO, ALPE CERMIS, LUSIA-BELLAMONTE: meraviglie invernali in VAL DI FIEMME

Dal Lagorai alle Dolomiti ecco a voi la valle di Fiemme d’inverno, un paradiso per lo sci alpino grazie anche all’ottima qualità della neve programmata.

83
CONDIVIDI

Con Federica Bailoni percorriamo le grandi piste di questo particolare versante di Fiemme che ci porta lungo la nuova rossa di Brusabella e verso il nuovo Chalet sul versante di Prà Fiorì.

Siamo sul Lagorai, la più lunga e selvaggia catena montuosa trentina caratterizzata da rocce porfiriche con inserimenti granitici ed una vista interessantissima sulle Alpi austriache.

Presso il nuovo Chalet apprezziamo una gustosa colazione che spazia dal dolce al salato con una spiccata attenzione per le leccornie del territorio a conferma che lo sci alpino bene si accompagna alla buona cucina e al calore dell’accoglienza.

Siamo poi sulle piste di Pampeago con Luca Bertoluzza.

Il Latemar è il primo gruppo dolomitico che si incontra accedendo alla valle di Fiemme da Sud e il comprensorio si presenta in tutta la sua bellezza invernale. Questa ski area, che arriva in Sudtirolo tramite le piste di Obereggen, si caratterizza per l’attenzione alle scuole di sci con un campo appositamente dedicato alle famiglie e con una nuova ed emozionante pista di slittino.

Interessanti anche le numerose manifestazioni sportive e l’accesso alle strutture ricettive e della ristorazione recentemente ristrutturate e rilanciate.

Siamo infine sul versante di Bellamonte dell’Alpe Lusia.

Queste piste si caratterizzano per la loro luminosità, per l’apertura verso il cielo, per la loro ampiezza e la qualità dello sci.

Anche qui troviamo campi scuola e l’attenzione per lo slittino, mentre una scoperta particolare è rappresentata dallo Chalet 44, un moderna struttura green con un’architettura che tende a creare nel visitatore il contatto diretto con la natura grazie alle pareti vetrate.

Moreno Bartoletti ci accompagna lungo un sentiero innevato che in pochi chilometri ci porta a malga Bocche proprio davanti al Cimon de la Pala. Una tranquilla escursione che ci sentiamo di consigliare agli amanti della natura, delle Dolomiti e dei silenzi invernali.