Nivolab: una mobile app per conoscere e prevenire le valanghe

Nivolab: una mobile app per conoscere e prevenire le valanghe

1165
CONDIVIDI
brentonico, monte baldo, polsa, ciaspole, neve, vacanza attiva, lago di garda, grande guerra
Pericolo valanghe elevato in questi giorni, vista la neve caduta. Questo è il versante Nord-Est dell’Altissimo. Sulla cima si riconosce il rifugio, sotto è evidente il segno di una grande slavina staccatasi la prima settimana di febbraio. La strada che taglia la montagna è quella che dal Rifugio Graziani arriva a Malga Campo e poi Malga Campei

E’ disponibile, negli store android ed apple una nuova applicazione per dispositivi mobili. Nivolab è infatti un sistema avanzato e sviluppato da professionisti della montagna che parte dal presupposto che i frequentatori della montagna invernale sono sempre più numerosi e non tutti possiedono l’esperienza per valutare le condizioni della neve, dei pendii, dei fuoripista. Nivolab aiuta a ragionare, a preparare l’escursione, a prendere conoscenza delle più recenti novità e ad agire preparando la propria escursione con basi tecniche non improvvisabili. Ne parliamo con Lorenzo Iachelini, Guida alpina istruttore e Presidente della Cooperativa Guide Alpine del Trentino.

Iachelini, quali sono i principi su cui si basa nivolab?

Nivolab è una sintesi di tre scuole: quella canadese, che analizza la meccanica dei lastroni, ovvero le fratture delle strutture rigide, considera l’approccio statistico ba-sato sulle best practice ed i modelli sviluppati dalla scuola austriaca che abbiamo sintetizzato da 10 a 4. Abbiamo poi aggiunto una nostra interpretazione ed una localizzazione delle conoscenze, ci siamo infatti chiesti come contestualizzare al meglio questi principi e come declinarli sul terreno alpino.

Come può lo scialpinista o il freerider accedere a questo tipo di informazioni?

E’ stata realizzata una app disponibile sia per android che apple, un software che nasce per essere strumento di confronto per gli esperti e che si basa sul proporre all’escursionista una serie di domande alle quali deve rispondere per avere un pa-rametro elaborato da NivoLab da confrontare con la propria valutazione personale del rischio necessaria per affrontare un’escursione invernale.

Uno strumento quindi che diventa utile anche per la didattica legata alle professioni della montagna.

Nasce con l’idea di mettere in comune le esperienze di chi la montagna la vive e di chi viene a contatto con il fenomeno dei distacchi valanghivi creando una struttura didattica con conoscenze organizzate che possano essere presentate in un modo moderno e facilmente assimilabili, in controtendenza rispetto allo stato attuale dove ci sono conoscenze non strutturate e meno sistematiche.

Un consiglio per gli scialpinisti e per come approcciare a nivolab.

L’applicazione è strutturata facendo un elenco dei parametri di valutazione in ma-niera autonoma. Nivolab si utilizza la sera prima dell’escursione dove rispondendo ad un elenco di domande l’applicazione, costruita su un flusso logico che si avvicina il più possibile al corretto modello cognitivo di uno scialpinista che programma da casa la propria escursione, risponde ed in più riassume le informazioni più aggiornate nel settore delle valanghe. Nivolab è nella sostanza un invito al ragionamento.

Alessio Migazzi

Team Escursioni