PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA

PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA

1644
CONDIVIDI

Alla scoperta della Val Meledrio in Val di Sole – 21 maggio 2011

Questa settimana esploriamo la Val Meledrio, la porta di accesso settentrionale al Parco Naturale Adamello Brenta. Partiamo da Dimaro, in Valle di Sole, e ci addentriamo lungo il torrente Meledrio che dà il nome all’omonima valle.

Val Meledrio

In Val Meledrio incontriamo un guardaparco, l’amico Luciano Ramponi, grande appassionato di natura e di storia: la guida ideale per capire ed apprezzare il Parco Naturale Adamello Brenta. Luciano ci parla della flora e della fauna, delle foreste e delle acque di questa valle che collega la Val di Sole con Passo Campo Carlo Magno, sopra a Madonna di Campiglio. La valle era chiamata un tempo anche la via degli imperatori in quanto ci passarono tutti i grandi condottieri che da Nzord volevano raggiungere il Mediterraneo. Udalrico Fantelli, storico e tra i padri del Museo di Malé dedicato alla civiltà solandra, ci illustra i passaggi delle grandi personalità del passato, da Carlo Magno all’imperatore Francesco Giuseppe e la principessa Sissi. Antonio Caola, presidente del più grande parco naturale del Trentino, ci spiega il ruolo delle aree protette per il rilancio di un nuovo turismo che, come nel caso della Val Meledrio, ha trovato nella sostenibilità il suo punto di forza. La valle può essere percorsa sia a piedi che in rampichino lungo le piste segnate e qui si può respirare l’atmosfera della vera natura alpina con acque possenti e fresche, grandi conifere, animali ed uccelli protetti. Facciamo anche tappa presso l’antica fucina, proprio all’imbocco della valle, dove un maglio azionato dalla forza idraulica dell’acqua ci fa rivivere l’antica arte della lavorazione del ferro battuto. Passiamo dall’antica “calcara”, una fornace per la cottura dei sassi di calcare, visitiamo grandi cascate e ammiriamo un canyon dalle prospettive mozzafiato. La giornata ci riserva anche la visita della Comunità della Valle di Sole ovvero di quegli amministratori che si occupano del governo dell’intera vallata. Qui incontriamo il presidente Alessio Migazzi che ci parla dei progetti futuri legati all’eco turismo e alla difesa di questo bellissimo ambiente. La giornata si chiude lungo la ciclabile della Valle di Sole che è anch’essa un invito alla vacanza attiva e alla conoscenza di questa parte molto significativa di Trentino.

La Val Meledrio

La Val Meledrio separa la Catena settentrionale del Gruppo di Brenta dalle estremità nord orientali del Gruppo della Presanella. Di antica origine tettonica, geologicamente costituisce un punto di contatto tra le rocce tonalitiche di origine vulcanica del Gruppo della Presanella e quelle calcaree (dolomie) del Gruppo di Brenta. È percorsa dal torrente Meledrio che nasce nel lago delle Malghette e che prima di gettarsi nel Noce, all’altezza di Dimaro in Val di Sole, riceve altri affluenti dalle ripide vallette che scendono dal versante occidentale del Brenta. La Valle della Malghette costituisce la sua testata principale; è separata dalla conca di Nambino dal Monte Zeledria e dal Monte Nambino; le Cima Lastè e Artuich la separano invece dalla Val Gelada. L’area delle Malghette è caratterizzata dalla presenza di numerosi laghi glaciali: lago Alto, i Tre laghi, lago Scuro, lago Artuich, Lago delle Malghette. Quest’ultimo rappresenta il lago più esteso nel Gruppo della Presanella. Sulla sua sponda orientale sorge il rifugio Malghette (1891 m) che si raggiunge in circa 1 ora e 20 di cammino da Passo Campo Carlo Magno. Il Passo Campo Carlo Magno (1681 m), una larga sella di praterie circondate da fitti boschi, costituisce lo spartiacque tra il bacino del Sarca e il torrente Meledrio (bacino del Noce).

[Modello "responsive" non trovato]

Antica via di comunicazione

Prima della costruzione della statale 239, la Val Meledrio era l’accesso di comunicazione principale tra Dimaro e Campiglio. Il percorso attraversa ancora oggi gli ambienti più selvaggi della valle. Partendo da Dimaro (772 m), si raggiunge il primo tornante della statale 239 per Madonna di Campiglio. Da qui si distacca una stradina sterrata che costeggia il torrente Meledrio. Dopo una vecchia calcara dove si produceva carbone da legna, ancora visitabile, si sale attraverso il bosco di larici che ricopre le pendici del Dosso di Santa Brigida, sede di un antico ospizio fin dal XIV secolo. Una stretta forra rocciosa obbliga il torrente Meledrio a formare una possente cascata: la cascata del Pison. La strada corre intagliata nella roccia viva e costituisce il punto più spettacolare di questo itinerario. Raggiunto il Ponte del Pissòl si toccano quindi i ruderi di Malga Centonia e attraverso una foresta di abete rosso ci si porta sull’altro versante della valle alla Malga Mondifrà (1632 m), quindi al Passo Campo Carlo Magno (circa 5 ore da Dimaro a piedi).

freccia_rossa Adamello Brenta Bike Tour: per l’antica strada dell’Imperatore

La Comunità di Valle della Val di Sole

Le Comunità di valle trentine sono degli enti territoriali locali, recentemente istituiti, che formano il livello istituzionale intermedio fra i comuni e la Provincia Autonoma di Trento. Sono formate da una struttura associativa costituita obbligatoriamente dai comuni compresi in ciascun territorio, e svolgono importanti funzioni amministrative. Le competenze delle comunità sono trasferite dalla Provincia e riguardano l’amministrazione locale nei vari settori economici e sociali. La comunità di Valle della Val di Sole comprende 14 comuni con una popolazione complessiva di circa 15.000 abitanti. Il presidente eletto è Alessio Migazzi, giovane imprenditore laureato in valutazione e controllo ambientale, esperto nel settore della comunicazione e tecnologie informatiche, area management, marketing e comunicazione e, dulcis in fundo, anche grande sportivo.

freccia_rossa Comunità di Valle della Val di Sole

Ringraziamo dunque il Parco Adamello Brenta, Alessio Migazzi e la Comunità di Valle, per la splendida ospitalità in Val di Sole, per l’ottima merenda-degustazione coi prodotti tipici del territorio e per averci accompagnato pazientemente nella nostra giornata di riprese.

Walk of Life – In cammino per la ricerca

Da segnalare il 28 e 29 maggio, in collaborazione con Telethon e Federparchi, che nel Parco Naturale Adamello Brenta saranno proposti degli accompagnamenti speciali finalizzati alla raccolta fondi per la ricerca contro le malattie genetiche. Siete tutti invitati a partecipare! Escursioni previste: sabato 28 maggio in Val di Genova, 2 escursioni guidate lungo il “Sentiero delle cascate”. Orari di partenza: ore 10.00 e ore 14.00. Luogo di ritrovo: Località Ponte Verde – Val Genova, Durata: 2 ore circa. Domenica 29 maggio in Val di Tovel, 3 escursioni guidate “Nel cuore della Val di Tovel”. Orari di partenza: ore 10.00, ore 12.00 e ore 14.00. Luogo di ritrovo: Casa del Parco “Lago Rosso” – Val di Tovel. Durata: 2 ore circa.

testi di Walter Nicoletti | Agh
foto di Alessandro Ghezzer (Agh)

© Copyright 2001-2011 – E’ vietata la riproduzione di testi o foto
salvo esplicita autorizzazione – Tutti i diritti riservati / All rights reserved