RIFUGIO POMPEO SCALORBI

RIFUGIO POMPEO SCALORBI

Nell'Alpe di Campobrun teatro di combattimenti in entrambi i conflitti mondiali che hanno reso queste montagne un vero e proprio museo a cielo aperto si trova questo costruzione in stile baita alpina immersa nei prati dell'altipiano

651
CONDIVIDI

Situato in posizione strategica per chiunque si sposti in alta Val d’Agno attraversando il passo Campogrosso è un punto di sosta e ristoro ideale per tutti gli appassionati di montagna. Fin dalla sua inaugurazione nei primi anni ’50 si è contraddistinto per la calda accoglienza tipica delle enti di montagna e per la cucina tradizionale.

Si tratta di una costruzione in muratura  quattro piani: al pianterreno ci sono bare e ristorante, tutti in stile rustico che si affacciano sul piazzale sterno dove è possibile mangiare durante la bella stagione.

La cucina dello Scalorbi è composta di un menù alla carte con tante proposte tipiche cucinate sul osto con ingredienti selezionati per la loro qualità e la provenienza il più possibile a chilometri zero. Per concludere in dolcezza i pasti vi sono tanti dessert caserecci tradizionali. A bar o al tavolo si possono assaporare birre, vini e distillati tipici. Assieme ai piatti tipici vie ne sono altri più nazionali, per soddisfare proprio tutti i palati.

Il facile acesso al rifugio lo rende una meta oppure un tappa per molti giri domenicali. Una volta saliti si può optare per una delle tantissime escursioni, nella riserva naturale di Campobrun, oppure a visitare l’imponente trinceone italiano che nella Grande guerra proteggeva Monte Zungna e Passo Vuole con resti di postazioni piazzole per artiglieria, caverne, camminamenti e trincee.

Il pernottamento è possibile presso il rifugio: si gode appieno della natura di questi luoghi e si può esplorare questo altipiano ricco di sorprese e le circostanti cime che regnano panorami a 360 gradi.

STRUTTURA

RIFUGIO POMPEO SCALORBI

Tipologia di struttura: rifugio

Indirizzo: Passo Pelagatta, 38061 Ala TN

Quota: 1.767 m

Gestione: Silvia Marcolin

Contatti: silviamarcolin@alice.it – www.rifugioscalorbi.it – Telefono Rifugio: 3462304405 – Telefono Gestore: 

Apertura: giugno – settembre, ottobre aperto nei weekend (verificare con il gestore)

 DESCRIZIONE

Descrizione del locale (esterni e interni), ambientazione: rifugio alpino nei pressi di Passo Pelagatta, sull’Altipinao di Campobrun, punto nevralgico per i rifornimenti alla prima linea italiana nel Primo Conflitto Mondiale e base per gli aviolanci dei partigiani nel Secondo. È circondato da prati sovrasta una pozza d’acqua piovana. Si tratta di una costruzione di cemento e pietre grezze di quattro pini con interni rustici in cui si fa ampio uso di lego, sia per gli arredi che per i rivestimenti. Al piano terra si trovano bar e ristorante con possibilità rimangiare anche all’esterno mentre e ai pini superiori vi sono le camerate con servizi comuni e i letti a castello.

Menù: composto di varie proposte tipiche trentine, assieme a piatti nazionali. Lo staff del rifugio seleziona gli ingredienti della migliore qualità con lo scopo di valorizzare i piccoli produttori artigianali e di mantenere vive le antiche tradizioni culinari che hanno reso il trentino un’eccellenza a livello nazionale.

CARATTERISTICHE

Lingue parlate: inglese, tedesco

Modalità di pagamento: contanti

Prenotazione richiesta: gradita

Possibilità di pernottamento: 25 posti letto in camerate con servizi comuni

Servizi extra: doccia calda

 ACCESSI E ITINERARI

Accessi: da Ronchi con il sentiero n. 109 (ore 5); dal rifugio Revolto in Val Illasi (prov. Di Verona) o dal rifugio Campogrosso (strada Pian delle Fugazze).

Itinerari raccomandati: Giro del Gruppo del Carega, Passo Pertica, visita alle trincee Italiane, Sentiero europeo E5.