RIFUGIO REFAVAIE

RIFUGIO REFAVAIE

Nato prima del Primo Conflitto Mondiale era poco più di una baracca che forniva bevande e semplici piatti ai paesani che lavoravano nei boschi di Caoria, è oggi un ottimo punto di sosta per gli appassionati della montagna

882
CONDIVIDI

I continui ampliamenti e miglioramenti l’hanno tenuto al passo coi tempi. Il rifugio è sul limitare della vegetazione in un luogo fresco tranquillo. Al piano terra, nelle sue due sale ristorane si consumano piatti della tradizione trentina tutti casalinghi e con ingredienti da piccoli produttori locali e della provincia. Nella bella stagione si può anche consumare i pasti nel’ombroso porticato esterno affacciati sui boschi.

Immerso nella catena del Lagorai è un ottimo punto di partenza per escursioni e itinerari di ogni tipo e difficoltà di questo splendido massiccio. Ferrate, scalate, lunghe escursioni e facili trekking alla portata di tutti permettono di ammirare spettacolari panorami, e scoprire tutte le meraviglie naturalistiche e faunistiche di questo angolo delle Dolomiti.

Per chi vuole vivere a pieno la tranquilla ed attiva vita di montagna  il Refavaia offre delle comode e graziose camere con servizi privati. Il rifugio diventa il luogo ideale per una vacanza in totale relax, lontano dal traffico e dal caos cittadini, completamente immersi nella natura.

STRUTTURA

RIFUGIO REFAVAIE

Tipologia di struttura: rifugio

Indirizzo

Quota: 1.116 m

Gestione:  Dal Bello Stefano

Contatti: www.rifugiorefavaie.com – info@rifugiorefavaie.com – Telefono rifugio: 0439 710009 – Tel gestore: 349 4961441

Apertura: fine maggio-fine ottobre (chiuso novembre)

 DESCRIZIONE

Descrizione del locale (esterni e interni), ambientazione: rifugio alpino di media montagna, costruito prima del la Grande Guerra, nasce come baracca-ristorante per i contadini e i braccianti del luogo. Lungo i decenni è stato più volte ampliato, e con la ristrutturazione del 2004 ha ricevuto alcuni comfort moderni senza perdere il suo aspetto originale. Gli arredamenti sono rustici, in legno e altri materiali del luogo: vi sono due salette ristorante che si affacciano su di un porticato esterno, nei due piani superiori invece trovano posto le camere con servizi privati.

Menù: diverso ogni giorno, per deliziare i clienti con piatti della tradizione locale come la trota (che si può anche comprare sfusa presso il rifugio) dal vicino laghetto per la pesca sportiva, carne alla griglia e piatti di selvaggina, sempre affiancati da una proposta vegetariana.

Piatto caratteristico: polenta, formaggio cotto con l’uovo e salsiccia; trota alla griglia.

CARATTERISTICHE

Lingue parlate: inglese, tedesco

Prenotazione richiesta: consigliata

Modalità di pagamento: contanti, pos, carte di credito

Possibilità di pernottamento: 12/15 posti letto in camere doppie e/o singole

Servizi extra: elettricità (da centrale idroelettrica autonoma), doccia calda e servizi privati (per i pernottanti), WiFi libero, laghetto per la pesca sportiva.

 ACCESSI E ITINERARI

Accessi: il rifugio è facilmente accessibile tutto l’anno in auto; seguire le indicazioni per il paese di Caoria (valle del Vanoi) e continuare sempre dritti per arrivare davanti al rifugio.

Itinerari raccomandati: cima Cauriol (sentiero n. 320, ore 4), cima d’Asta (a piedi, a cavallo o in mountain bike, sentiero n.335, 3h), cima Paradisi, cima Cece.