RIFUGIO SEGANTINI – VAL D’AMOLA

RIFUGIO SEGANTINI – VAL D’AMOLA

9444
CONDIVIDI

L’escursione di questa settimana si sviluppa ai piedi dei picchi granitici che circondano la Val d’Amola, nel gruppo dell’Adamello-Presanella fino a giungere al Rifugio Segantini, classica meta per escursionisti alla ricerca di percorsi facili immersi nel tipico panorama d’alta quota.

1 La Val Amola

L’escursione parte dal parcheggio auto in località Malga Valina d’Amola a mt. 2020, raggiungibile dalla SS 239 per Madonna di Campiglio, tra Pinzolo e S. Antonio di Mavignola, seguendo le indicazioni per la Val Nambrone presenti sull’ampio tornante segnalato. Una volta arrivati al Rifugio Nambrone si prosegue per circa 7 km su strada asfaltata e per un altro chilometro su strada sterrata fino ad arrivare al parcheggio, all’ingresso della Val d’Algone.

2 Partenza

Dal parcheggio si imbocca il sentiero N°211 che fino a Malga Vallina si presenta come un’ampia strada sterrata per poi risalire, grazie anche a comodi scalini ben manutentati, il costone che svetta sulla sinistra orografica della Valle.

3 Malga Valina

Giunti in cima al pendio subito appare alla vista il Rifugio Segantini m. 2.373, che si raggiunge facilmente dopo circa 20 minuti di cammino su sentiero pianeggiante.

4 Verso il Rifugio Segantini

Il Rifugio, inaugurato dalla SAT il 26 agosto 1901, è dedicato al famoso pittore trentino Giovanni Segantini (1858-1899), deceduto alla giovane età di 41 anni in un rifugio sullo Schalfberg in Engadina (Svizzera) ivi recatosi per terminare la sua famosa ultima opera: “il Trittico”. Ad accogliere gli escursionisti c’è la G.A. Egidio Bonapace, conoscitore e custode dei segreti di queste cime nonché Presidente dell’Accademia della Montagna del Trentino.

5 Panorama dal segantini

Tra le escursioni che Egidio propone agli appassionati d’alta quota vi sono, oltre alla salita alla Cima Presanella lungo un percorso attraverso il “Bochet di Monte Nero” recentemente sistemato, le arrampicate su granito con il campanile di S.Giusto e cima Piccolina e i numerosi itinerari trekking come il classico percorso lungo il sentiero N.216 che porta ai Laghi di Cornisello.

6 Canederli

Il Rifugio Segantini partecipa all’iniziativa “Rifugi del Gusto…in quota oltre l’estate”, prolungando il tradizionale periodo di apertura per coniugare la passione per la montagna con i prodotti tipici del territorio, dai quali nascono piatti e ricette della tradizione locale.

7 La montagna "dentro" Gianluigi Rocca

Quest’anno il rifugio ha poi ospitato, contestualmente ai suoni delle dolomiti, un’esposizione delle opere d’arte dell’artista Gianluigi Rocca, che ne arricchiscono gli interni offrendo un percorso artistico legato alle radici della cultura alpina.

8 Ripartendo per la discesa

Il rifugio Segantini è una struttura a dimensione famigliare, la cui posizione, sita su una splendida terrazza in una zona ricca di laghetti facilmente raggiungibili, ben si presta alle esigenze delle famiglie e dei più piccoli. Si parla infatti di Rifugio Family, iniziativa nata per promuovere l’avvicinamento dei giovani alla montagna e dove i ragazzi fino a 12 anni, se accompagnati, possono soggiornare senza corrispondere la quota di mezza pensione.

9 Rifugio

10 Flora alpina autunnale

11 rientrando nella valle

Lasciato il rifugio si imbocca il sentiero di rientro, il 211 bis, che scende a Valle lungo un percorso alternativo alla salita chiudendo l’anello con l’arrivo a Malga Valina.

Percorrendo il comodo tratturo si può meglio apprezzare il panorama che offre la Val d’Algone: lo sfondo delle Dolomiti di Brenta che appaiono come skyline d’eccezione, i picchi granitici che fanno da corona alla conca ed i colori della Valle che, specie in periodo autunnale, ricordano paradisi lontani.

12 Gea

13 il ponte

La discesa è molto rapida ed agevole ed in circa un’ora dal Rifugio si rientra al parcheggio terminando un’escursione ricca di natura e … di cultura.

14 rientro al parcheggio con Brenta

Difficoltà: Facile
Sviluppo: 7,4 km
Salita: m. 452
Discesa: m. 353
Durata: Circa 3 ore
Punto più basso: Malga Valina d’Amola a mt. 2020
Punto più alto: Rifugio Segantini m. 2.373
Condizione fisica: sufficiente
Paesaggio: Tipico di media montagna
Punti di interesse:

– Rifugio Nambrone (passaggio con automezzo)
– Malga Valina d’Amola m. 2020
– Rifugio Segantini m. 2.373

Le indicazioni qui fornite vanno sempre integrate con le opportune valutazioni circa il livello di rischio distacco valanghivo segnalato dagli istituti competenti. La traccia GPS è puramente indicativa. Il percorso va verificato con le condizioni della neve e l’esposizione dei pendii.

escursioni@girovagandointrentino.it

© Copyright 2001-2013 – E’ vietata la riproduzione di testi o foto salvo esplicita autorizzazione – Tutti i diritti riservati / All rights reserved


Guarda su EveryTrail| Guarda su Google Earth | Scarica la traccia GPS