RIFUGIO VALLACCIA

RIFUGIO VALLACCIA

Costruito nel 1985 in località Gardeccia è un piccolo rifugio alpino che ricalca nell'aspetto le antiche baite montane, un tranquillo angolo di natura in cui regnano la calma e il relax di una vita all'aria aperta

140
CONDIVIDI

Raggiungibile in due ore salendo da Malga Crocifisso è stato fin dalla sua costruzione un punto di partenza  e di passaggio per molte escursioni ferrate sulle Dolomiti con i loro panorami di rara bellezza. È in mezzo alle praterie del Gardeccia e sovrastato dalle alle maestose cime 11 e della Vallaccia, dove la vista può spaziare a 360° incontrando scorci sempre pittoreschi.

L’accoglienza è calda e tipica delle genti di montagna. Con la sua atmosfera intima il Vallaccia raccoglie i suoi visitatori con interni rustici dove abbondano gli arredi in legno. La gestione famigliare assicura una cucina tipicamente trentina con tante proposte della cultura ladina. Tutti i piatti sono preparati con ingredienti pregiati, prodotti da piccoli artigiani locali e trentini per garantire il massimo della qualità. Per concludere il pasto i dolcezza ci sono i dessert caserecci del rifugio. Nella bella stagione e tempo permettendo si può anche mangiare all’esterno godendo dell’aria fresca e del panorama circostanza nella pace più assoluta.

L’area verde del rifugio con il suo giardino permette di rilassarsi e prendere il sole riposandosi. La famiglia Bernard ha pensati il rifugio per offrire ai propri la possibilità di staccare completamente dalla frenetica vita di tutti i giorni godendo lontano dal caos cittadino. Per godere al meglio delle bellezze che questo angolo delle Alpi ha da offrire si consiglia di soggiornare più noti al rifugio: ci comodi letti a Castelo ai piani superiori con le loro calde coperte e i piumoni garantiscono sonni tranquilli.

Le escursioni che partono dal rifugio sono per tutti i gusti, da lunghe e tranquille passeggiate in quota da impegnative vie ferrate fino a vie ferrate adatte solo ai più esperti; il tutto nelle Pale di San Martino, patrimonio UNESCO. A pochi passi dal rifugio c’ un’ottima falesia per allenarsi nell’arrampicata.

Queste zone erano in prima linea durante il primo conflitto mondiale, e ancora oggi riempiono resti delle guerra come camminamenti, trincee e posizioni di entrambi gli schieramenti.

 

STRUTTURA

RIFUGIO VALLACCIA

Tipologia di struttura: rifugio

Indirizzo: Località Gardeccia – Monzoni, 1, 38036 Pozza di Fassa TN

Quota: 2.275 m

Gestione: Jacopo e Walter Bernard

Contatti: www.rifugiovallaccia.it – info@rifugiovallaccia.it – Telefono Rifugio: 349 8866866 – Telefono Gestore: 0462 764922

Apertura: giugno – ottobre; tutti i weekend da gennaio a fine aprile per lo sci alpinismo

 DESCRIZIONE

Descrizione del locale (esterni e interni), ambientazione: piccolo rifugio nella distesa prativa dominato dalle cime 11 e Vallaccia. È stato costruito nel 1985 con muri in cemento e pietra e ampio uso di legno sia negli interni che all’esterno. Al pino terra si trova la sala bar-ristorante che si affaccia su di una terrazza panoramica esterna, sopra vi sono le camerate con letti a castello. Il rifugio è alimentato da un gruppo e elettrogeno e dal pannelli solari.

Menù: tipico trentino, con alcune proposte ladine. Si fa particolare attenzione nella scelta delle materie prime: provengono in gran parte da piccole produzioni artigianali locali. Vi sono anche sfiziosi dessert per concludere i pasti. Alle pietanze si affiancano, vini, birre artigianali, distillati e liquori che esaltano i sapori dei cibi.

Piatto caratteristico: tortelli di Patate ripieni di salsiccia e finferli, conditi con burro fuso e cannella, di solito abbinati con una birra artigianale.

Note:  vendita di formaggi di malga

CARATTERISTICHE

Lingue parlate: inglese, tedesco,

Modalità di pagamento: contanti

Prenotazione richiesta: consigliata

Possibilità di pernottamento: 22 posti letto in camerate con letti a castello

Servizi extra: free WIFI, doccia calda con sovrapprezzo

 ACCESSI E ITINERARI
Accessi: strada fino a Malga Crocifisso in Val San Nicolò poi a piedi su strada forestale fino alla Malga Monzoni e sentiero n. 624 (ore 2).

Itinerari raccomandati: la panoramica Cima Vallaccia, 2.637 m si raggiunge in circa 1 ora salendo alla Forcella della Costella 2.529 m (con il sentiero n.624) e poi facilmente alla cima. In Val Vallaccia, passando dalla Forcella Vallaccia 2.468 m poi al bivacco Donato Zeni, 2.100 m (sentieri n. 624 e 615, ore 2). Dalla Forcella della Costella, prendendo verso est il sentiero n. 616 si raggiunge in circa 4 ore il rifugio Berg-Vagabunden al Passo delle Selle; da qui si può scendere al rifugio Taramelli o al Passo San Pellegrino. Dal rifugio in si può salire comodamente alla Cima Undici (2505m) in 45 minuti. A Soraga in Val di Fassa con il sentiero n. 616 dalla Forcella della Costella quindi in discesa aggirando il Piz Meda (ore 2,30). Ferrata Gadotti, Via attrezzata Bruno Federspiel.