Sole, neve, Telemark con un’impronta Green: ecco il nuovo volto della SCUFONEDA

Sole, neve, Telemark con un’impronta Green: ecco il nuovo volto della SCUFONEDA

Dall’ 11 al 15 marzo 2020 sulle nevi della Val di Fassa è grande attesa per la XXIII Scufoneda

131
CONDIVIDI

E’ ufficialmente iniziato, sulle nevi di Moena – Passo San Pellegrino e Lusia, il conto alla rovescia per l’annuale raduno di telemarker e freerider che ormai da più di vent’anni animano la celeberrima Scufoneda. Giunta alla XXIII edizione, tutte all’insegna del divertimento ai piedi delle dolomiti fassane, dopo la fortunata edizione 2019 la Scufoneda da quest’anno avrà un’impronta tutta “green”, una scelta consapevole che di fatto è una naturale evoluzione di quest’evento dove da sempre l’ambiente la fa da padrone.

Saranno cinque giornate intense quelle che attendono appassionati e habitué, un week end lungo all’insegna del telemark e freeride con vari livelli di itinerari sciistici, anche molto impegnativi, e fuori dalle piste battute in compagnia di Maestri di Sci e Guide Alpine.

Un esordio già sperimentato nell’edizione 2019 che include anche la vicina Val di Fiemme, con una giornata sull’Alpe Cermis, il mercoledì, per poi risalire il giovedì verso il comprensorio sciistico Belvedere/Sass Pordoi e poi il venerdì nella Ski Area Alpe Lusia.

Ne parliamo con il Presidente degli Scufons, Felice “El Vecio” Canclini. Presidente, un’edizione green che chiama gli organizzatori ad uno sforzo aggiuntivo ed i partecipanti ad una presa di responsabilità, qual’è il messaggio che questa nuova edizione della Scufoneda vuole dare?

Gli Scufons vivono l’ambiente come un bene prezioso e negli anni si sono sempre sforzati di farlo conoscere e rispettare dalle centinaia di appassionati di telemark e freeride che frequentano la Scufoneda. Alla luce di tutte le ulteriori evidenze dei danni ambientali, della catastrofe Vaia, si sono sentiti in dovere di trovare e proporre delle “best practice” per l’evento. Prima fra tutte la mobilità sostenibile, via le macchine ci si muove tutti insieme con ecobus, gli impianti di risalta che sono mezzi di trasporto perfetti per percorrere le Dolomiti anche in tratte lunghe, poi borracce, carta pochissima e una mentalità green che comunque connota da sempre il movimento del telemark.

Freeride, Telemark, escursioni ad ogni livello nel cuore delle Dolomiti. Scufoneda cresce ogni anno ma chi la vive sa che una cosa non cambia mai, l’ambiente e l’amicizia che si ritrova frequentando l’area Expo e le piste da sci. Qual’è il segreto per rimanere autentici?

Essere spontaneamente quelli che siamo, amici, fuori e dentro l’evento, con passioni comuni, voglia di divertirsi e condividere anche il piacere di organizzare brillantemente un evento ormai unico anche come organizzazione precisa e performante che incontra anche la fiducia delle aziende, non è semplice essere credibili per ventriere anni e far crescere un evento continuamente. vuol dire essere capaci di portare contenuti, di fare gruppo e soprattutto avere una reputazione ottima.

Presidente Canclini, un invito dal Vecio a venire alla Scufoneda

Non venire alla XXIII Scufoneda sarebbe un rimpianto insopportabile…..bisogna viverlo quest’evento per non poterne poi più farne a meno!!! Vi aspettiamo…..

Il weekend della XXIII Scufoneda anche quest’anno sarà concentrato alla Ski Area San Pellegrino, dove verrà allestito lo Scufons Village dedicato a materiali da testare e novità del settore, ma anche l’igloo dedicato alle ciaspole e le e-bike da testare sulla neve, in sintonia con la scelta green dell’evento.  

Altra importante novità di questa edizione la partecipazione di The North Face, brand leader nel segmento outdoor che ha scelto la Scufoneda Green per offrire la possibilità di testare i nuovissimi capi tecnici prodotti con brevetto FUTURELIGHT™. I capi saranno messi alla prova dai partecipanti durante le escursioni più tecniche in fuori pista. 

Tante novità anche nel programma “leisure”, Scufoneda è infatti una delle tappe di TRENTINO Skisurise che approderà sul Col Margherita all’alba di venerdì con a seguire discesa sulle piste ancora chiuse e colazione nel nuovissimo rifugio InAlto. E per finire spazio alla cultura con la presentazione del libro scritto da Giuliano Pederiva: “Telemark experience. Tra anima e corpo. Metodo innovativo per apprendere il telemark” oltre all’atteso racconto dell’avventuroso viaggio in bicicletta “Sulla via della Seta” compiuto la scorsa primavera dal fotografo della Scufoneda Giacomo Meneghello ed il maestro di snowboard Janez Borella. 

Sito evento: www.scufons.com