TRENTO, CITTA’ DEL NATALE E DELLA CULTURA

TRENTO, CITTA’ DEL NATALE E DELLA CULTURA

1309
CONDIVIDI

A Trento, la magia del Natale e del più tradizionale dei mercatini trentini si affianca ad un’offerta davvero interessante dal punto di vista culturale.

I numerosi visitatori di Trento potranno infatti approfittare di una serie interessantissima di opportunità che riguardano l’arte, la scienza e la storia in una cornice cittadina particolarmente attenta al gusto e al buon bere.
Sullo sfondo di manifestazioni come “Bollicine su Trento” o eventi come “Natale a tavola”, il clima delle festività si arricchisce di altre opportunità tutte da gustare.

Elda Verones è la direttrice dell’Azienda di Promozione Turistica di Trento, monte Bondone e Valle dei Laghi
i mercatini di Natale di Trento quest’anno raddoppiano. A fianco della storica Piazza Fiera, si possono trovare espositori anche in Piazza Battisti
Il mercatino di Piazza Fiera
Alcuni espositori dei Mercatini di Trento. Germano e Fernando Verones preparano ottimo piatti come canederli e strangolapreti
immancabile il Vin Brulè
ai mercatini si trovano anche artisti ed artigiani del legno e del tessile
Quest’anno torna a vivere anche piazza Dante, dove è stato allestito un villaggio tutto dedicato ai bambini
In piazza Dante è stato allestito anche un presepe realizzato da due istituti superiori della città
Dopo i mercatini, ci trasferiamo al Muse, dove ha aperto la mostra “Oltre il limite. Viaggio ai confini della conoscenza.”
qui siamo con Cristian Lavarian, responsabile della mostra
una mostra che ragiona sul concetto di limite spazio temporale, a cavallo tra astrologia e scienza

 

Al MuSe  di Trento, sarete proiettati nelle immense galassie per esplorare i confini della conoscenza. “Oltre il limite” è la prima grande mostra temporanea promossa in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Il visitatore potrà avventurarsi alla scoperta dell’universo e dei suoi misteri grazie a una serie di installazioni che, con un linguaggio multimediale, semplice quanto immediato, potranno svelare i risultati raggiunti dalla conoscenza umana in questo particolarissimo settore.
Poco distante, presso le Gallerie di Piedicastello, si possono ammirare due mostre dedicate al centenario della Grande Guerra. Il Museo storico ha una grande tradizione di ricerca dedicata sia alla “grande storia” fatta di eventi politici e bellici, sia alla storia quotidiana, ovvero alla “piccola storia” che si riconosce nelle singole biografie, nei diari e nei tanti sentimenti che si sono combattuti da una parte e dall’altra delle trincee.

 

I Trentini nella guerra europea” e “La grande guerra sul grande schermo” sono i titoli di due mostre, una per galleria, che riassumono l’identità stessa della ricerca avviata in questi anni in questa terra.
La mostra dedicata al cinema offre in particolare una punto di vista effettivamente unico sul suo rapporto con la cultura e la propaganda accompagnando il visitatore dentro un conflitto che ha rotto i tradizionali punti di vista sui conflitti anche per quanto riguarda i fenomeni comunicativi.
“Doni preziosi” è infine la mostra che aprirà nei prossimi giorni presso il Castello del Buonconsiglio. Una rassegna legata alla tradizione del dono nella storia che si propone anche come un’interessante argomento in linea con il clima natalizio.
La mostra, che verrà inaugurata il prossimo 12 dicembre, presenta un’articolata selezione di preziose opere d’arte provenienti dalle collezioni museali del Castello del Buonconsiglio.
Partendo dall’emblematica immagine delle Tre Grazie, antico simbolo del “dare, ricevere e ricambiare”, oggetti in vetro, ceramica, porcellana, avorio, argento, ma anche tessuti, incisioni e dipinti, sono letti e presentati come chiave di lettura della società che ne ha fatto espressione di affetti privati, strumento dei più delicati rapporti diplomatici tra dinastie regnanti e casate aristocratiche, manifestazione individuale di ospitalità e di valori cristiani.

la nostra macchina di produzione, Opel Mokka, la trovate da Franceschi
la nostra macchina di produzione, Opel Mokka, la trovate da Franceschi