UN’AVVENTURA A SERRADA: LA FORRA DEL LUPO

UN’AVVENTURA A SERRADA: LA FORRA DEL LUPO

10296
CONDIVIDI
forra del lupo, serrada, grande guerra, dolomiti, trentino, rovereto, terragnolo
Forra del Lupo

Gole, anfratti, camminamenti

Un’avventura a Serrada: la Forra del Lupo

E’ un’escursione che solo alcuni anziani escursionisti dell’Altopiano ricordano. La “Forra del Lupo” torna quest’anno a rivivere per poter essere percorsa, visitata, studiata.

Si tratta di un antico camminamento militare, risalente alla prima guerra mondiale che parte da Cogola, località di Serrada e conduce fino al Forte Dosso delle Somme che i tedeschi chiamavano Verk Serrada. Il sentiero presenta un dislivello di circa 460 mt ed è lungo circa 4,8 km. Si snoda tra profonde gole, anfratti stretti, grotte, scalinate, passaggi a picco sulla roccia. Un percorso da cui si domina con lo sguardo la valle di Terragnolo, la cui posizione era strategica ai tempi della Grande Guerra: i tedeschi da qui controllavano l’accesso all’altopiano.

Paolo Spagnolli ha “ritrovato” questo antico percorso e dato il via alle opere di recupero
Questa foto storica è contenuta in un testo di Leitempergher ed ha ispirato Paolo Spagnolli ad andare alla ricerca di quella trincea, che ricordava di aver visto da ragazzo
nche questa è una foto storica della Guerra, mostra come la forra veniva utilizzata
Forra del lupo
Forra del lupo
Forra del lupo
Forra del lupo
Forra del lupo
Fernando Larcher, storico dell’Altopiano di Folgaria Lavarone e Luserna

 

In questo periodo in molte zone del Trentino si riscoprono antichi sentieri militari dimenticati, in vista del centenario della Grande Guerra. Spesso è fondamentale l’aiuto ed la passione dei volontari che dedicano tempo ed energie al recupero degli antichi camminamenti. La Forra non fa eccezione, se è vero che il lavoro di recupero è stato animato da tante persone: tra i primi a crederci e ad ipotizzare il recupero, Paolo Spagnolli appassionato frequentatore dell’Altopiano, Cristina Corradini  e lo storico Fernando Larcher. Attorno a loro si sono poi riunite tante associazioni, gruppi ed anche singoli cittadini:  l’Associazione “Pasubio 100 anni”, i gruppi Alpini di Serrada e Terragnolo, gli scout di Rovereto, lo Sporting Club Serrada, la SAT di Rovereto, in particolare il gruppo grotte, l’Associazione Giovani 2000 di Serrada. Tutti hanno contribuito a rendere percorribile questo percorso, liberandolo dalla vegetazione e dai detriti che ormai si erano impossessati del sentiero. Un intenso lavoro iniziato nel 2012 e che ha vissuto il culmine durante l’estate del 2013.

Il sentiero ora è percorribile, anche se rimangono ancora alcuni passi da compiere. E’ in corso la pratica con la Sat di Trento per affiliare il percorso, poi si provvederà al posizionamento della cartellonistica. Per ora si può camminare lungo il sentiero con le numerose visite guidate che l’Apt Alpe Cimbra ha in programma durante l’estate. Una in particolare, il 27 luglio, vedrà i partecipanti percorrere questo splendido tracciato e raggiungere il Forte  Dosso delle Somme in occasione del concerto di Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura per i Suoni delle Dolomiti.