VAL DI SOLE: SCIARE TRA LE GUGLIE DOLOMITICHE E PICCHI GRANITICI

VAL DI SOLE: SCIARE TRA LE GUGLIE DOLOMITICHE E PICCHI GRANITICI

1090
CONDIVIDI

9 FEBBRAIO 2013

Questa settimana ci occupiamo della Val di Sole d’inverno.

Circondata da alcuni dei gruppi montuosi più famosi dell’arco alpino (Dolomiti di Brenta, Adamello-Presanella e Ortles-Cevedale), questa valle è il comprensorio sciistico più esteso del Trentino occidentale.

Nelle sue stazioni invernali di Folgarida-Marilleva, Peio e Passo Tonale sono presenti piste di ogni grado e difficoltà sia per gli sciatori che per gli snowboarders.

[Modello "responsive" non trovato]

La Val di Sole però non è solo sci da discesa. Per gli amanti della solitudine e della tranquillità dei paesaggi innevati – ci informa l’amico Maurizio Andreotti dell’Azienda per il turismo – la valle offre diverse opportunità per lo sci di fondo, lo sci alpinismo, per escursioni con le racchette da neve (le ciaspole) e in nordic walking.

E ancora diverse alternative allo sci e numerose attività per l’après ski.

In valle troviamo più di 55 chilometri di piste da fondo dal Passo del Tonale a Vermiglio, da Cogolo a Ossana, Mezzana, Commezzadura e la val di Rabbi: in queste località gli appassionati dello sci fondo possono trovare anche locali per la sciolinatura, il noleggio degli sci, spogliatoi, nonché ristori, scuole sci e maestri specializzati.

La Valle di Sole è anche un esempio unico in Italia di treno che trasporta gli sciatori direttamente alla stazione di partenza di una telecabina. In poco più di un’ora, con la Trento-Malé si raggiunge la Val di Sole e da qui, alla fermata di Daolasa, in 12 minuti si arriva a quota 2.000, al cospetto delle Dolomiti di Brenta, nel cuore del carosello sciistico Folgarida – Marilleva – Madonna di Campiglio. Durante tutta la stagione invernale prendere il Dolomiti Express conviene: al momento dell’emissione dello skipass alle biglietterie degli impianti di Folgarida-Marilleva, a chi presenta il biglietto di andata e ritorno verrà operato uno sconto equivalente al costo del treno.

Accompagnati dagli amici Alessio Migazzi e Luca Tomarelli affrontiamo diverse piste partendo dalla stazione di Daolasa fino a raggiungere Folgarida e poi Marilleva.

Per coloro che vogliono provare l’intera ski area ricordiamo che è possibile collegarsi direttamente con le piste di Madonna di Campiglio e quindi di Pinzolo immergendosi in un’avventura davvero interessante quanto impegnativa dal punto di vista sportivo.

Alessio Migazzi, presidente della Comunità di Valle ci informa circa i servizi e le offerte che vengono messe a disposizione per i giovani sciatori ed i loro genitori attraverso il Distretto famiglia. Cristian Gasperi e Luca Tomarelli delle Funivie Folgarida-Marilleva ci aggiornano invece sullo stato, peraltro ottimo, dell’innevamento delle piste e sulle novità che riguardano le scuole di sci, lo snowboard e il gigante cronometrato.

Sulla via del ritorno ci fermiamo infine presso l’azienda di Claudia Flessati a Monclassico. Claudia è una giovane mamma con la passione per la campagna e la trasformazione dei prodotti tanto che recentemente ha aperto un vero e proprio laboratorio. Qui Claudia ha realizzato il suo sogno: quello di aprire un piccolo punto vendita di trasformati fra i quali spiccano il succo di mela in purezza, il succo di mela e barbabietola rossa e le persecche (fette di mele essiccate).

testo di Walter Nicoletti
© Copyright 2001-2012 – E’ vietata la riproduzione di testi e foto
salvo esplicita autorizzazione – Tutti i diritti riservati / All rights reserved