VALLE DEL CHIESE, DIMENSIONE AVVENTURA

VALLE DEL CHIESE, DIMENSIONE AVVENTURA

2283
CONDIVIDI

La Valle del Chiese si presenta come la porta di accesso verso il gruppo dolomitico del Brenta e verso il complesso glaciale dell’Adamello.

Una porta, ci racconta Massimo Valenti presidente del Consorzio Turistico, che si dirama attraverso valli ancora selvagge come la Val di Daone, la Val di Fumo e la Val di Breguzzo dove ancora si conserva intatto il fascino del paesaggio alpino e dove la mano dell’uomo si confonde con la natura.

Fin dal primo impatto è chiaro che il cuore della valle pulsa con l’emozione dell’avventura e della vacanza attiva.

Siamo innanzitutto sul lago d’Idro in compagnia della guida Jacopo Pellizzari che ci accompagna alla scoperta delle tante esperienze che spaziano dal volo con il parapendio, alle tante possibilità riferite agli sport acquatici, fino all’arrampicata sul bellissimo itinerario ferrato di Sasse.

La nostra giornata inizia al lago d'Idro, ad Idroland, un punto di riferimento per gli sport sul lago: Kite surf, Bici, Parapendio e tanto altro
In questa giornata in Valle del Chiese ci sposteremo sempre con la bicicletta, utilizzando le bici elettriche che tutti i turitsi potranno noleggiare durante la stagione estiva

Fra le novità che si annunciano in questa stagione ci sono le uscite con gli accompagnatori in mountain bike, magari a pedalata assistita, per approfondire la conoscenza di tante destinazioni storiche, rurali e green.

Ma la valle ci stupisce anche per i tanti itinerari e destinazioni culturali come nel caso delle miniere di barite di Darzo o le tante testimonianze promosse dall’Ecomuseo della valle.

Prima tappa a Darzo, dove gli amici delle miniere di Darzo ci presentano questa interessante proposta per l'estate
Il murales di Paola De Manincor racconta l'epopea dei minatori in Valle del Chiese. Si trova a Darzo

Tra le tante possibilità avventurose spicca il Breg Park Adventure della valle di Breguzzo dove in totale sicurezza sperimentiamo questi percorsi per giovani e meno giovani in vena di emozioni. In quest’esperienza ci accompagna Giandomenico Ferrari animatore assieme ad altri colleghi di una struttura fra le più significative nel suo genere a livello alpino.

Ci spostiamo poi al Breg Adventur Park
Si tratta di un parco avventura in Val di Breguzzo
Si trovano percorsi di tutti i tipi, adatti ai più grandi o anche a bimbi più piccoli
Anche Walter si cimenta in alcuni passaggi. Tutto avviene, ovviamente, in massima sicurezza.
Il Breg Adventur Park utilizza imbraghi con speciali moschettoni. Grazie ad un sistema di sicurezza, i due moschettoni non si aprono mai contemporaneamente, dando così la certezza di essere sempre ancorati alla fune

In Valle di Daone, famosa per il suo granito e le cascate ghiacciate d’inverno, facciamo esperienza del bouldering. Questa disciplina, che si è affermata nel corso degli anni 70 sotto il nome di “sassismo” – come ci spiega la guida alpina Ezio Chesi – ha trovato una palestra ideale suoi massi di questa valle tanto che è stato ideato qui il Boulder Park della Foresta di Plana dove, nelle giornate del 2 e 3 luglio si svolgerà il grande meeting di “Gramitico”. Una manifestazione – prosegue l’assessora allo sport Nadia Baldracchi – che chiamerà l’attenzione del mondo degli appassionati di tutta Europa che qui a Daone hanno trovato il gusto e la passione di sentirsi comunità.

La giornata ci riserva inoltre una serie di sorprese gastronomiche che iniziano nella pescicoltura dei fratelli Patrizio e Paolo Valenti di Bondo dove la passione per l’allevamento del vero salmerino alpino si sposta con la trasformazione dei prodotti ittici in leccornie della tradizione trentina.

Con le nostre bici elettriche, arriviamo poi a Bondo alla pescicoltura Valenti
La famiglia VAlenti alleva qui prevalentemente Salmerini Alpini
I fratelli Patrizio e Paolo gestiscono l'attività, iniziata dal padre Claudio
i prodotti del pescicoltura vanno dal salmerino fresco, al filetto, salmerino affumicato, marinato e una sorta di hamburgher molto gustoso
La famiglia Valenti al completo

Da qui al ristorante il passo è breve ed eccoci all’Aurora di Cimego in compagnia del patron Graziano Tamburini per una serie di assaggi di prelibatezze di fiume e di lago.

Arriviamo a pranzo all'Hotel Aurora a Cimego
Assaggiamo diversi piatti a base di pesce: salmerino marinato
Salmerino affumicato con radicchio dell'orso
Salmerino in umido con funghi e polenta di Storo
Tortelloni di polenta macafana
Trota alla mugnaia
Torta di grano saraceno con marrmellata di more e ribes

Chiudiamo con una nota sportiva in quanto la valle del Chiese, come ci riferisce l’assessora allo sport di Storo Stefania Giacometti, è anche un territorio che si è specializzato nell’accoglienza di diverse squadre di calcio dove primeggerà, fra le altre, la giovanile del Bayern di Monaco.