VALLE DEL CHIESE, FACCIAMO FESTA … CON LA POLENTA!

VALLE DEL CHIESE, FACCIAMO FESTA … CON LA POLENTA!

1716
CONDIVIDI

Vivere la Valle del Chiese è anche assaporarne il lato più genuino e popolare quando le vie e le piazze dei paesi si animano con momenti di aggregazione e festa dove cultura, musica popolare, riti religiosi, lavori artigianali e tradizione gastronomica si incontrano.

È l’idea nata nell’ambito del Consorzio turistico della Valle del Chiese e alla quale hanno aderito le più significative realtà legate al turismo, alla ruralità e alla cultura.

Il ricco calendario di appuntamenti propone ghiotte occasioni per andare a scovare quegli appuntamenti legati alle tradizioni della Valle. Un piccolo e variegato scrigno che nasce dall’operosità instancabile e certosina delle Associazioni Pro Loco.

la nostra puntata inizia con Vigilio Giovanelli, Presidente di Agri 90, che ci racconta i segreti della polenta gialla, l’Oro di Storo.
con la farina gialla non si prepara solo Polenta ma anche, ad esempio, gustosi biscotti
Sempre a Storo visitiamo la famiglia Mora e la loro apicoltura
in questi giorni sono impegnati nella smielatura. Questo è il primo passaggio: si toglie l’opercolo, ovvero quel leggero strato con cui le api sigillano le arnie
si passa poi al centrifugazione. Le arnie vengono inserite in una centrifuga che ruotano ad alta velocità fa uscire il miele. Da qui il miele andrà nelle botti d’acciaio per essere poi invasettato
le arnie dell’apicoltura Moro. Alcune sono vicino al laboratorio, altre invece praticano il nomadismo pe produrre diversi tipi di miele
Matteo Moro conduce questa azienda dove si producono Miele, derivati come Cera d’api ed inoltre piccoli frutti
Il papà di Matteo, Walter, nel loro punto vendita
Nel punto vendita si trovano anche altri derivati delle api, come propoli e candele di cera.

 

Al centro dell’iniziativa ci sarà una lunga Festa dedicata alla polenta con un ricco calendario di eventi che riporteranno alla ribalta questo prodotto salito agli onori della cronache di tutta Italia per l’instancabile funzione ricoperta in questi anni dai produttori di granella della cooperativa Agri 90.

Quando un prodotto è il simbolo di un territorio. In ogni sacchetto della farina di Storo si trova un pezzo della Valle del Chiese. Il prezioso mais, messo ad essiccare sugli “spèrgoi” delle case antiche, rende, una volta macinato, l’Oro di Storo con il quale si produce la mitica polenta.

arriviamo poi a Condino dove visitiamo l’esterno della splendida Pieve di S.Maria Assunta
qui siamo con Maddalena Pellizzari, presidente dell’Ecomuseo della Valle del chiese
a pranzo, arriviamo alla Trattoria “Fra Dolcino”- Locanda del Borgo Antico
si tratta di una sorta di maso dove Gianni Cassanelli ha ricavato un’ottima trattoria ed un’accogliente locanda
Gianni qui impegnata a fare una piccola lezione di panificazione ad un gruppo di ragazzi
questa locanda è un locale di ottima qualità, a partire dalla fornitissima e pittoresca cantina
la cucina è dedicata ai migliori prodotti locali, cucinati con sapienza: trota affumicata e salmerino marinato su letto di misticanza e pinoli con mela Golden
girasole di mais con ripieno di polenta carbonera
Spinacino di mais al Teroldego con polenta e verdurine
cappuccino Fra Dolcino
Chiudiamo il pranzo con un amaro Cappelletti

 

Gialla o carbonera, macafana, con le patate o accompagnata dalle rape di Bondo.

Tante le golose varianti tutte da gustare.

Un impegno, quello di Agri 90, che ha recuperato un’antica tradizione riportandola nell’alveo di produzioni moderne e di qualità che hanno consentito a molte aziende di ritrovare la strada del reddito agrario e a molti giovani di insediarsi nel settore primario. Accanto alla polenta non potevano però mancare gli altri prodotti e leccornìe della valle che vanno dai piccoli frutti all’itticoltura, dal miele ai diversi formaggi ed insaccati.

in chiusura, ci trasferiamo da Agostino Valenti e la sua Creartistic
Agostino lavora il rame es Esporta pentolame e prodotti fino in America
si tratta di prodotti artigianali di altissima qualità, fatti a mano uno ad uno
Agostino nel suo laboratorio, intento alla preparazione di un paiolo da polenta in rame
un’arte che si tramanda di generazione in generazione

 

I prodotti della terra daranno anima alle tante manifestazioni di paese che hanno assunto negli ultimi anni anche significativi contenuti turistici. Stiamo parlando delle tante sagre che si succederanno in queste settimane coinvolgendo i carbonai di un tempo, il temi della grande guerra, di frà Dolcino e di tutto quanto appartiene all’identità del Chiese.

Nell’ambito della prima edizione di Saperi e sapori nostrani in calendario a Storo il prossimo 11 ottobre è infine previsto il primo Festival della polenta che premierà i veri polenteri della valle.

la nostra puntata si chiude sul lago di Roncone ottimo luogo per rinfrescarsi e bere qualcosa al fresco.
la nostra puntata si chiude sul lago di Roncone ottimo luogo per rinfrescarsi e bere qualcosa al fresco.