VALSUGANA, ESPERIENZE VERE DAI LAGHI ALLE MONTAGNE

VALSUGANA, ESPERIENZE VERE DAI LAGHI ALLE MONTAGNE

3311
CONDIVIDI

La Valsugana, con il Lagorai e il Tesino, si presenta come uno dei territori ideali per una vacanza estiva dove il relax si incontra con l’esperienza.
Spiagge verdi e acque pulite si possono infatti accompagnare ad un’efficiente rete di percorsi MTB e a una pista ciclabile che vi può portare comodamente in Veneto, alle porte della bellissima città di Bassano. Interessante a riguardo anche la rete di servizi quali l’affitto delle biciclette lungo la pista ciclabile con la possibilità di intermodalità con la ferrovia della Valsugana.

La nostra giornata si apre in Valsugana. Saliamo a Forte Busa Grande, da cui si gode una splendida vista sull'alta valle
Sempre del forte, la vista sul Brenta

Vi sono poi centinaia di chilometri di percorsi dentro il selvaggio Lagorai o lungo il Sentiero della Pace alla scoperta dei forti e delle linee trincerate della Grande Guerra.
Il Lagorai è il più esteso gruppo montuoso del Trentino e presente anche una rete di malghe che aderiscono al progetto “Adotta una mucca” appositamente creato dall’Apt per avvicinare i turisti al meraviglioso mondo dell’alpeggio.
La nostra giornata inizia sul lago di Caldonazzo dove il mitico Lido è tornato a nuova vita grazie ad imprenditori turistici come Massimo Oss che qui ha creato una spiaggia sabbiosa e tante occasioni di divertimento.

Arriviamo poi al Lido di San Cristoforo
Massimo Oss sta rilanciando la struttura, puntando sull'offerta dei servizi alle famiglie
Spiaggia, lettini, scivoli, campo da pallavolo e tanti altri serviz, tra cui un bar ristorante pizzeria
Tutto per godersi al meglio il lago
L'idea è far rivivere il lido che anni fa era un punto di riferimento per moltissimi trentini!

Il settore perginese del lago, come ci conferma Michele Corradini dell’Associazione Rive, riserva tutte le sere un evento diverso all’interno di una cornice, il lago di Caldonazzo appunto, che è diventata una Bandiera blu della qualità. Questa qualifica e riconoscimento della purezza delle acque è stato conferito anche al lago di Levico, località famosa anche per le Terme che proprio d’estate possono garantire un felice connubio fra relax, riposo lacustre e cure salutistiche grazie a queste inconfondibili acque termali.

Scendiamo poi a Levico e visitiamo le Terme. Questa è la sala delle inalazioni
Questo il settore per il benessere della circolazione sanguigna
Le Terme di Levico sono specializzate nelle cure dell'apparato respiratorio e patologie artroreumatiche
Il parco delle Terme, dove vengono proposti anche momenti di ginnastica all'aperto

Sono tante le attività che si possono svolgere sui laghi ad incominciare dalle scuole di vela e di surf per arrivare allo sci d’acqua come ci confermano amici come Stefano Dagnoli del Centro Ekon e Marco Degasperi dell’Associazione sportiva Sci nautico Trento.

Scopriamo poi le attività del centro Ekon e Cooperativa Archè
Si occupano di corsi di sub surf e vela, sia per ragazzi normodotati che per ragazzi con disabilità fisiche o psichiche
Stefano Dagnoli è uno dei responsabili del centro

Dai laghi alle montagne ed eccoci al Forte Busa Granda dal quale possiamo ammirare le bellezze aeree dell’Alta Valsugana. Volker Jeschkeit, storico tedesco innamorato dell’Italia dei forti, ci illustra le particolarità di questa struttura ricavata proprio sotto la sommità di una delle punte più significative delle montagne che sovrastano la cittadina di Levico Terme e rientrante nel comune di Vignola Falesina.

I laghi di Levico e Caldonazzo con la Vigolana
L'interno del Forte Busa Grande
Questa immagini mostra la struttura del forte, interamente scavato nella roccia

Il forte, interamente ricavato nella roccia, è un esempio ben conservato dell’architettura militare asburgica e delle tecniche di guerra utilizzate oltre un secolo fa.
Torniamo in valle per parlarvi delle Feste medievali di Pergine Valsugana.
Paolo Stefani, presidente della locale Pro Loco, ci parla della rievocazione dell’assedio del Castello avvenuto nel 1326 e della successiva pace fra i Tirolesi ed i Signori di Padova.
Un’occasione per celebrare la storia e riscoprire il piacere ed i sapori della vera festa di piazza.