VALSUGANA: NATALE DI POPOLI E CULTURE DIVERSE

VALSUGANA: NATALE DI POPOLI E CULTURE DIVERSE

1769
CONDIVIDI

La Valsugana propone due mercatini di Natale all’insegna della qualità, ma soprattutto della ricerca culturale.

La valle di Mocheni e le diversità etnico linguistiche fanno da sfondo a Perzenland e la Valle incantata, il mercatino di Pergine Valsugana.

La nostra puntata si apre a Perzenland e la valle incantata!
Il centro storico di Pergine ospita i mercatini di Natale con diverse attività
Artisti all'opera: c'è chi intreccia i cesti e chi lavora il legno
I mercatini di Pergine ospitano una casetta ad alcuni produttori di Amatrice

Palazzo Hippoliti, nel centro del borgo dell’alta valle, propone due mostre rispettivamente dedicate alle transumanze e all’arte del presepe.

A palazzo Ippoliti è esposta un'interessante mostra di Alberto Pattini sulla transumanza.
I pannelli raccontano in fotografia e poesia la transumanza: l'autore ha infatti seguito il gregge Laner dal Lagorai alla pianura veneta di Padova e Venezia
Ci racconta le iniziative di Pergine Luigi Ochner, presidente del consorzio Pergine Iniziative

Le foto, predisposte dall’appassionato di greggi e pastori Alberto Pattini, ci riportano alla millenaria transumanza delle pecore dalle alte cime del Lagorai verso le pianure venete attraverso il Brenta e l’Adige.

Questo rito ancestrale si ripete di anno in anno tanto che la Valsugana può considerarsi una fortunata eccezione se si considera che in altri luoghi come  l’Appennino ed il resto dell’arco alpino, essa è quasi del tutto scomparsa.

Accanto alle cornice natalizia questo originale mercatino propone una cornice impreziosita dalla presenza di artigiani del legno e da un’interessantissima bancarella degli amici di Amatrice, il comune sconvolto dal terremoto dell’agosto scorso.

Qui incontriamo Michela e Antonio Scialanga che presentano la Denominazione di Origine Comunale, la DeCo di Amatricia, con pecorini, mieli, confetture e l’immancabile guanciale, base per fare degli ottimi spaghetti all’amatriciana.

Siamo poi a Levico Terme nella classica, ma sempre suggestiva ed attuale cornice del parco asburgico.

Qui troviamo una sessantina di casette molto curate con prodotti rigorosamente realizzati a mano e un ottimo livello di coinvolgimento di aziende artigiane ed artistiche del territorio (e non solo).

Fra queste ricordiamo gli artigiani del legno, del ferro, del vetro, oltre a tantissime altri curiosità artistiche e gastronomiche.

L’atmosfera proposta ci riporta ai tempi degli Asburgo, quando la città di Levico era uno dei primi grandi centri turistici delle Alpi orientati alla cura del corpo e destinati alle grandi élite e dinastie imperiali.

Ci spostiamo poi nel parco di Levico, dove va in scena il mercatino di Natale Asburgico
Anche qui sono molti e diversi gli stand a disposizione dei visitatori
Un artigiano soffia il vetro
Walter assaggia il Karampampoli, una tradizionale bevanda a base di vino rosso, caffè,grappa e miele
Decorazioni intagliate da lastre d'alluminio
La riproduzione di un'antica casa contadina
La casa degli Elfi è uno spazio dove i bimbi possono giocare e svolgere tante attività
Lavorazione della cera d'api
A Levico, nel parco, troviamo anche una zona con tanti animali
Una casetta dedicata interamente all'intaglio del cirrmolo
Per quattro sabati sera, Levico ospita uno spettacolo pirotecnico nel parco
Il maestoso albero di Natale che domina il parco asburgico di LevicoTerme

Ancora oggi l’urbanistica della cittadina viene impreziosita dalla presenza di grandi alberghi in stile liberty, testimoni nel tempo di un turismo di qualità supportato anche dall’avveniristica linea ferroviaria di fine ottocento e dalla caratteristica stazione.

In diversi fine settimana gli ospiti potranno inoltre ammirare i giochi pirotecnici che il sabato vengono proposti sullo sfondo del parco così come da spettacoli ed intrattenimenti per bambini e famiglie.

La Valsugana ed il Lagorai, una delle più significative e suggestive catene delle Alpi, vi aspettano inoltre per un inverno all’insegna dello sport e dell’avventura.

Le piste della Panarotta e gli itinerari alpinistici ed escursionistici del Lagorai vi aspettano accanto ai numerosi servizi e non ultima anche la grande vicinanza con le grandi vie di comunicazione.