VIAGGIO LUNGO LA VALLAGARINA ALLA SCOPERTA DEL MARZEMINO

VIAGGIO LUNGO LA VALLAGARINA ALLA SCOPERTA DEL MARZEMINO

2367
CONDIVIDI

E’ una puntata che concludiamo sulle note del Don Giovanni di Mozart in onore del vino che in quell’opera viene citato: il Marzemino.

Un vitigno proveniente, come tanti altri del resto, da oriente e che, isola dopo isola, costa dopo costa, giunge in Trentino grazie ai Veneziani.

Qui ha trovato due territori d’elezione, ovvero delle microzone dove questo vitigno ha saputo dare il meglio di sé, sebbene percorrendo due strade alquanto diverse.

Da una parte troviamo la zona classica, quella delle colline di Isera, caratterizzata da terre tendenzialmente magre e dall’altra troviamo terreni più grassi di tipo alluvionale, portati dalle esondazioni dell’Adige. E qui siamo a Volano, nella zona dei Ziresi, altra nicchia di talento per il Marzemino.

La nostra puntata vi parla di Marzemino
lo facciamo con gli amici della Cantina Vivallis
Siamo andati a vedere come si svolge la vendemmia, girando tra i campi di numerosi soci
La vendemmia è anche occasione d'integrazione. in molte campagne infatti hanno trovato un luogo di lavoro anche alcuni profughi
Un vigneto di marzemino a guyot a Marano d'Isera

Ci accompagnano in questo “viaggio enologico” gli amici della Vivallis, una cantina cooperativa impegnata in alcuni progetti che elevano la qualità dei vini a partire dalla campagna.

Produrre un vino di qualità, ci spiega Mauro Baldessari direttore di Vivallis, significa compiere una serie di operazioni che partono dal vigneto, come la cura del patrimonio vegetale della pianta, la giusta concimazione e diserbo meccanico, il diradamento e la cura dei grappoli per portali alla giusta maturazione.

Da qualche anno alcuni grappoli di marzemino vengono messi ad appassire. Verranno vinificati più avanti, verso la fine di novembre
Il disciplinare del Marzemino permette infatti di lavorare il vino agiungendo una percentuale di passito
Qui siamo con Aldo Lasta, un artigiano della vite che coltiva i suoi vigneti nella zona dei Ziresi, nelle campagne tra Volano e Calliano
Eccoli, i circa 20 ettari della cosiddetta "sottozona" dei Ziresi
Da sinistra:Mauro Baldessari, direttore Vivallis, Roberto Menegoni tecnico di campagna, Walter e Andrea Parisi, anche lui tecnico di campagna
Una veduto dei vigneti in detsra Adige, dove si produce il Marzemino Superiore di Isera
Le prime fasi del conferimento, quando l'uva scende in grandi vasche per essere degraspata
In bottaia con Flavio Cristoforetti, enologo di Vivallis
Il punto vendita della cantina. nel 2017 inizieranno lavori di ristrutturazione per rendere più accoglienti questi spazi

Testimoni sul campo di queste esperienze viticole orientate alla qualità sono due viticoltori soci di questa struttura cooperativa: Andrea Tonolli e Aldo Lasta.

Entrambi appassionati di viticoltura di montagna Andrea e Aldo ci comunicano la cura e la meticolosità dei produttori locali impegnati nella produzione di un vino difficile e amabile ad un tempo.

E’ anche l’opinione di Luciano Battistotti un patriarca “marzeminiano doc” che ci parla di questo vino, spesso capriccioso ma, quando la stagione volge al meglio, ricco di sorprese e segreti positivi.

Il nostro itinerario diventa anche enoturistico e ci troviamo alla Casa del vino di Isera in compagnia del patron Luca Bini.

La Casa del vino è un esempio di comunità territoriale di produttori che si sono alleati per fare del loro ambiente una destinazione del turismo di qualità. In questi ultimi anni tutte le aziende vitienologiche (e tra queste non vanno dimenticate le distillerie) si sono specializzate con punti vendita, percorsi in cantina e sale di degustazione per accogliere i tanti turisti del vino.

A pranzo andiamo alla Casa del Vino a Isera
Uova Pochet con crema di Topinambur
Tagliolini con zafferano del Baldo e Tartufo Nero
Spezzatino di cervo con polenta di castagne
Gelato alla grappa con mirtilli e cannella
Pasteggiamo ovviamente degustando i due vini principi della nostra giornata: il Marzemino Superiore d'Isera ed il Marzemino dei Ziresi
E' sempre un vulcano d'idee ed innovazione Luca Bini, gestore della Casa del Vino

Una proposta che si coniuga alla perfezione con il turismo culturale, la cui capitale in Vallagarina (e non solo) è rappresentata dal Mart, e con il turismo rurale, che trova in questa vallata interessantissimi itinerari fra vigneti e castelli.

Gli enologi Andrea Parisi e Flavio Cristoforetti e l’agronomo Roberto Menegoni completano il quadro tecnico che soggiace alla qualità del Marzemino con dovizia di particolari lungo la filiera della qualità che dalla campagna arriva alla cantina.

Si chiude così, con le note di Mozart, una giornata all’insegna della vitalità tutta trentina che descrive il riuscito connubio fra viticoltura e territorio.